• Paolo Benanti

Germania: un software contro il terrorismo di ultradestra

In Germania un software per la lotta contro il terrorismo di destra vuole rendere il lavoro della polizia federale più efficiente. Si presenta come un'evoluzione di quello già utilizzato per contrastare il terrorismo islamico. Ma questa nuova versione non è così semplice da realizzare. Vediamo il perché.



Dopo l'omicidio di Lübcke e l'attacco ad Halle, il Bundeskriminalamt (BKA) o ufficio federale della polizia criminale, un reparto delle forze di polizia della Germania sotto la responsabilità del Ministero federale degli interni equivalente all'FBI statunitense, ha sviluppato un sistema per identificare potenziali terroristi di destra. Ma non sembra in grado di essere utilizzato per una serie di problemi del software.


Il numero ufficiale non sembra molto preoccupante: solo 53 estremisti di destra sono attualmente considerati una minaccia in Germania. In altre parole, questo è il numero di persone di cui le autorità hanno certezza che potrebbero commettere un crimine grave come un attacco terroristico in qualsiasi momento.



È probabile che il numero reale sia molto più grande. Gli esperti temono che il potenziale terroristico dell'ultradestra - anche otto anni dopo la scoperta del Nationalsozialistischer Untergrund, o NSU (Clandestinità Nazionalsocialista, in italiano), una cellula terroristica tedesca di matrice neonazista attiva tra il 1997 e il 2011 - sia sottovalutato. L'attacco al presidente del governo di Kassel, Walter Lübcke (CDU), e l'attacco a una sinagoga e un chiosco di Kebab lo scorso anno hanno allarmato le autorità. Dopotutto, la protezione della costituzione presuppone circa 12.700 estremisti di destra violenti in Germania. Ma quale estremista di destra è forse anche un potenziale assassino?


Per scoprirlo, l'Ufficio federale di polizia criminale (BKA) e le autorità di polizia degli Stati federali si affidano a un nuovo sistema di valutazione del rischio chiamato RADAR, un'analisi basata su regole di attori potenzialmente distruttivi per valutare il rischio acuto. Questo strumento è stato utilizzato dagli islamisti per determinare il pericolo di radicalizzazione e di divenire terrorista per qualche tempo. Ben 660 persone del mondo islamico tedesco sono ora considerate una minaccia.



Primi concetti

Il RADAR sarà presto utilizzato anche per identificare i neo-nazisti pericolosi. Ma ci vorrà molto tempo prima che la polizia possa esaminare la scena politica di destra con il nuovo sistema.


Secondo le informazioni di alcuni media - la Westdeutscher Rundfunk Köln o WDR e la Norddeutsche Rundfunk o NDR -, il BKA ha appena creato i primi concetti per un sistema RADAR che analizzi l'estremismo di destra. In base a ciò, il sistema degli esperti della BKA per l'analisi dei casi operativi è sviluppato congiuntamente con l'Università di polizia applicata della Sassonia-Anhalt, gli uffici della polizia criminale di stato della Sassonia e della Renania settentrionale-Vestfalia, l'Ufficio federale per la protezione della Costituzione (BfV) e l'Ufficio federale austriaco per la protezione della Costituzione e antiterrorismo in Austria (BAT). "Un'applicazione diffusa è prevista per la primavera del 2022", ha detto una portavoce della BKA su richiesta dei giornalisti della WDR e della NDR.



Reati condannati noti e modalità predittiva

Il nuovo strumento ha lo scopo di aiutare a identificare gli estremisti particolarmente pericolosi in una fase precoce, anche prima che possano commettere reati gravi. Qualcosa che al momento è ancora difficile per le autorità. In larga misura, coloro che hanno già commesso reati, compresi gli attacchi terroristici, sono stati classificati come terroristi di destra. Delle 53 minacce di destra identificate fino ad oggi, 24 sono attualmente in custodia.


Quello che ancora manca al RADAR per essere utilizzato è una migliorata capacità di analisi della scena. Il RADAR-Right, questo il nome del nuovo strumento, dovrebbe aiutare, seguendo l'esempio di quanto fatto con il RADAR-iTE per i jihadisti. Lì, gli investigatori devono rispondere a 72 domande sul rispettivo estremista. Ci sono precedenti penali? Com'è la situazione familiare? La persona ha accesso alle armi? Ci sono malattie mentali? Alla fine c'è un punteggio totale e un codice colore. Il rosso rappresenta la categoria più pericolosa.



Il problema delle "scene miste"

La valutazione RADAR sfocia quindi nella questione di come un estremista debba conseguentemente essere "trattato" dalle autorità di sicurezza. Se è necessaria una sorveglianza completa, ad esempio, o se una cosiddetta dichiarazione di pericolo, oppure se una visita a domicilio di agenti di polizia, può essere sufficiente per impedire alla persona di commettere eventuali reati.


Nel frattempo, tuttavia, gli esperti concordano sul fatto che i fattori che rendono un islamista un potenziale assassino non sono facilmente trasferibili sulla scena dell'estremismo di destra. Ad esempio, per gli estremisti di destra si deve analizzare le cosiddette "scene miste", situazioni in cui ad esempio si trovano teppisti, praticanti di arti marziali o membri di club motociclistici con atteggiamenti di destra.


E anche con il nuovo sistema di valutazione del rischio, non saranno trovati tutti i criminali violenti di estrema destra. Perché, secondo quanto detto dal presidente della BKA, Holger Münch, lo scorso anno, "sono necessarie biografie articolate e dettagliate degli autori". Le forze dell'ordine statali possono verificare il pericolo solo se questi soggetti sono a loro noti. Stephan E., il presunto assassino di Walter Lübcke, e Stephan B., l'assassino di Halle, non erano per nulla sotto i radar delle autorità.

150 visualizzazioni