Amore algoritmico: prevedere dai dati la fine di una coppia

January 12, 2019

L'amore è una delle cose più desiderate è decantate della storia umana. Amare e sentirsi amati rende una vita piena e felice. Ma è anche una delle cause di sofferenza più grande. Un amore non corrisposto o un amore che finisce può essere truce e fonte delle peggiori sofferenze sperimentabili. Oggi possiamo vivere la prima parte e gestire la seconda. Grazie ai dati e agli algoritmi non sembra impossibile poter sapere in anticipo quando una relazione finirà. Ma, come dice il tradizionale adagio popolare, "è tutto oro quel che luccica?".

Molti di noi accettano senza grandi problemi che le aziende con cui ci relazioniamo conoscano a volte di noi tanto quanto noi sappiamo di noi stessi. Ad esempio nel feed di Facebook accettiamo di vedere annunci di cibo per gatti dopo aver parlato di un gatto in un post o averne pubblicato una foto. Aveva fatto scalpore che Target, la nota catena di grandi magazzini USA, sapesse che una sua cliente fosse incinta prima ancora che questa avesse avuto il tempo di dirlo ad amici e familiari. Anche Instagram conosce se i suoi utenti hanno una predilezione per i film di Natale della tv via cavo Hallmark. Se tutto questo è possibile semplicemente facendo delle inferenze algoritmiche sui nostri post, non sarebbe per nulla sorprendente se da un minor numero di nostre foto in compagnia del nostro partner Instagram potrebbe profilarci e segnalare ad app terze e ad altre aziende che la nostra relazione affettiva potrebbe finire.

 

 

Da qui una domanda: quanto con i Big Data possiamo realmente consocere e predirre sulle relazioni affettive? Possiamo sapere, per esempio, quando una relazione sta per finire? E se iniziamo a vedere dei pop-up pubblicitari di prodotti quali gelati, cioccolata, fazzoletti kleenex e siti di incontri, dovremmo preoccuparci?

 

Se analizziamo bene alcuni delle cose che stanno muovendosi nel mondo globale dei social, sebbene gli esperti dicano che tecnologie di questo tipo non vengono utilizzate, possiamo pensare che in una certa misura una tecnologia di previsione sulle relazioni affettive esista già. La domanda allora non è se ma: le azende potranno approfittarne? E ancora più importante, vogliamo che lo facciano?

 

Quanto possono sapere i Big Data sulla tua relazione?
Le relazioni sono notoriamente difficili da prevedere. Ci sono così tante variabili in gioco: il contesto ambientale, l'attrazione, la compatibilità della personalità, la condivisione o meno delle stesse opinioni e così via. Questo fa si che matematicamente parlando, poter determinare la data specifica in cui finirà una relazione è pressoché impossibile. "Le relazioni sono processi dinamici e sistemi complessi", ha detto a Vox Justin Garcia, consulente scientifico del noto sito di incontri Match.com. "Per cui non penso sia probabile che qualcuno possa dire questa relazione finirà in 2,5 mesi".

 

 

Nonostante questo, sappiamo che numerosi ricercatori hanno studiato le relazioni affettive e la loro evoluzione per decenni, quindi c'è un corpus di ricerche significative - e abbastanza forte - da poter servire come base per gli sviluppatori. Forse la ricerca più conosciuta di questo tipo è lo studio di John Gottman del 1992 condotta su 52 coppie di neo sposi. Il team di Gottman ha intervistato tutte le coppie e ha osservato le loro interazioni, quindi ha chiesto loro di compilare un questionario tre anni dopo. Gottman è stato in grado di sviluppare un modello che prevedeva la probabilità che una coppia potesse divorziare con una precisione superiore al 94%. In seguito ha pubblicato un libro sostenendo che vi sono sette tratti associati all'esito della relazione, tra questi, ad esempio, se le coppie esprimono affetto o affetto l'uno verso l'altro e come affrontano il conflitto.

 

La ricerca di Gottman ha ricevuto una grande attenzione da parte dei media, ma non è particolarmente sorprendente: se le coppie discutono sul denaro subito dopo essersi sposate, è ovvio che continueranno a farlo per tutta la durata relazione. Inoltre, lo studio del 1992 si basava anche su interviste orali con le coppie, il che implica che il modello funziona solo se è possibile osservare le coppie nella loro vita reale.

 

Ma si può trovare un modello altrettanto accurato basato unicamente sui dati?

Forse non sorprende sapere che Facebook sia stata a lungo interessata alla questione della previsione dei risultati di una relazione affettiva, perché questo sembra essere parte del DNA dell'azienda: secondo il libro The Facebook Effect, mentre Mark Zuckerberg era ad Harvard, ha sviluppato un algoritmo che poteva prevedere quale dei suoi amici si sarebbe affettivamente unito con un altro con una precisione del 33%. Secondo le fonti questa è stata qualcosa che ha fatto per puro divertimento divertimento, ma la dice lunga sia sulle origini di Facebook sia sulla vita sociale del college di Zuckerberg.

 

 

Nel 2013, l'ingegnere di Facebook Lars Backstrom e Jon Kleinberg della Cornell University sono stati coautori di uno studio che identifica una serie di fattori che contribuiscono al successo a lungo termine delle relazioni: se una coppia aveva molti amici in comune o se pubblicava un sacco di foto insieme. I ricercatori hanno scoperto che si poteva determinare con il 60% di precisione se una coppia si sarebbe lasciata. Uno studio successivo del data scientist di Facebook, Bogdan State, ha analizzato gli stati delle relazioni di Facebook dal 2008 al 2011. Ha scoperto che le coppie su Facebook avevano più probabilità di stare insieme una volta raggiunti i tre mesi, con le probabilità di successo che aumentavano con l'aumentare del tempo.

 

L'idea che le grandi aziende tecnologiche potrebbero usare i nostri dati per prevedere qualcosa di così intimo ed emotivamente carico come la fine di una relazione ha mediaticamente risuonato tra le persone e non necessariamente in senso positivo. ("Facebook può prevedere con accuratezza spaventosa se la tua relazione durerà", si legge un titolo.) Tuttavia, un certo numero di sviluppatori si sono dilettati con la prognosi delle relazioni, uno di questi esperimenti è divenuta una app, StayGo, lanciata nel 2016.

 

 

StayGo è stato sviluppato da un team di esperti di psicologia e di relazioni affettive e si fonda su una quantità impressionante di ricerche. La app pone alle coppie 20 domande che apparentemente determinano la compatibilità a lungo termine: da come ritengono la loro vita sessuale soddisfacente fino a come gestiscono il denaro. Quindi calcola un punteggio chiamato "SG score" che va da 1 a 100. L'app consente anche alle coppie di ricevere feedback sulle loro relazioni da membri della famiglia e da altri utenti dell'app, che sembra sia un modo estremamente pragmatico sia un modo estremamente semplice per mettere in pericolo la tua relazione se il tuo "SG score" non è alto. Per chiarezza dobbiamo dire che non è chiaro esattamente come funziona l'algoritmo di StayGo o quanto sia accurato.

 

Da quando la tecnologia si è evoluta e si è ulteriormente integrata nelle nostre vite private, anche la quantità di dati personali che abbiamo messo a disposizione delle Big Tech ha inevitabilmente portato i ricercatori a diventare sempre più creativi nello studio delle nostre vite sessuali. Un report del 2018 di eHarmony in collaborazione con l'Imperial College Business School di Londra, ad esempio, ha rilevato che gli assistenti smart per la casa che utilizzano la tecnologia di riconoscimento vocale, come Google Home e Alexa, potrebbero un giorno essere utilizzati per prevedere rotture o persino fornire consulenze relazionali ascoltando le nostre conversazioni.

 

 

Come ha recentemente spiegato la co-autrice Aparna K. Sasidharan, questa intuizione si basava in gran parte su una ricerca del 2017 che utilizzava la tecnologia del riconoscimento vocale per analizzare 134 conversazioni di coppie durante la terapia coniugale nel corso di due anni. I ricercatori hanno analizzato dati come cambiamenti nel tono o quanto spesso qualcuno passerebbe da "voi" a "io" o "me" e hanno sviluppato un algoritmo che era in grado di prevedere se una coppia non sarebbe rimasta più tale con una precisione del 79%.

 

Per essere chiari, il rapporto di eHarmony non afferma che aziende come Google e Amazon lo stanno facendo, né ci sono prove che gli assistenti smart delle nostre case stiano ascoltando le nostre conversazioni senza consenso. Detto questo, Amazon ha recentemente depositato un brevetto che suggerisce che potrebbe almeno avere interesse a farlo.

 

Il punto di Sasidharan è più che aziende come Amazon e Google potrebbero farlo se volessero. "Abbiamo un modello in grado di predire il destino di una relazione in modo abbastanza accurato, ma nessuno lo ha reso operativo o incorporato in un dispositivo o un'app di appuntamenti ma se la gente lo accettasse, potrebbe essere fatto molto presto.

 

Naturalmente, questo solleva due domande molto importanti: le persone lo accetteranno? E perché, esattamente, le varie aziende vorrebbero sapere del futuro delle nostre relazioni affettive?
 
Black Mirror ci ha già avvertito
"Hang the DJ", il quarto episodio della quarta stagione della serie distopica della BBC Black Mirror, tenta di rispondere alla prima nostra domanda, anche se in modo un po 'obliquo. Nell'universo di "Hang the DJ", le coppie sono abbinate all'app Coach, che dice per quanto tempo durerà il tuo rapporto. Quando una coppia si innamora nonostante la loro relazione abbia una data di scadenza, cercano di battere le forze oscure che controllano il loro ecosistema (minacciosamente chiamato "Sistema") per stare insieme.

 

A differenza della maggior parte degli episodi di Black Mirror, "Hang the DJ" non è necessariamente un'accusa alla nostra eccessiva dipendenza dalla tecnologia; in effetti, in qualche modo, è un avallo. La rivolta della coppia a Coach si rivela essere una funzione di una simulazione di un computer più grande, che determina la loro compatibilità in base a quante volte i loro avatar battono il Sistema (998 volte su 1000, a quanto pare, rendendoli compatibili al 99,8%).

 

 

I fan di Black Mirror non hanno immediatamente colto il concetto di "data di scadenza" delle coppie. In effetti, gli spettatori della serie hanno iniziato a ipotizzare se una tale tecnologia potesse essere disponibile un giorno, suggerendo a Netflix di rilasciare un surrogato dell'app per San Valentino. In un articolo per il Washington Post, Lisa Bonos sostenne addirittura che il Sistema sarebbe stato un miglioramento al faticoso lavoro di fare tanti swipe come con Tinder nel mondo reale degli appuntamenti.

 

"Quando i pericoli degli appuntamenti online vengono discussi nella vita reale, emerge il paradosso della scelta. Questa è l'idea che, di fronte all'eccesso di possibilità di scelte, sia che si tratti di Tinder che di marche di cereali, non siamo diventati più liberi e felici ma più paralizzati e insoddisfatti ", scrive Bonos. "Il sistema si propone di offrire il meglio di entrambi i mondi: un sacco di opzioni, e alla fine si ottiene quella migliore". Purché si accetti che la faccia una macchina, aggiungo io.

 

Per i millennial single che hanno passato una brutta serie di relazioni su Tinder, una dopo l'altra, la data di scadenza ha un fascino evidente: perché perdere tempo ad organizzare un appuntamento per un caffè o fare domande semi-obbligatorie su lavoro e parenti se c'è una data di scadenza che ti pende sulla testa?

 

Garcia, lo scienziato dei dati di Match.com, non ha visto "Hang the DJ", ma è d'accordo sul fatto che le persone sarebbero interessate a utilizzare la tecnologia per prevedere il risultato della relazione. "L'amore è uno dei più grandi desideri nella vita. Se potessimo usare il comportamento degli utenti [per trovare l'amore], la mia impressione è che ci siano molte persone che vorrebbero farlo", dice. E usare i dati per prevedere il successo a lungo termine di una relazione con una possibile corrispondenza potrebbe essere uno dei tanti modi possibili per farlo.

 

 

Non è nemmeno impossibile immaginare un mondo in cui le persone sarebbero disposte a rinunciare a tali dati in nome della ricerca dell'amore. Per quanto gli utenti europei e statunitensi pretendano di preoccuparsi della privacy e delle piattaforme di social media che accedono ai loro dati, la maggior parte non si preoccupa abbastanza di lasciare effettivamente le suddette piattaforme. È lecito supporre che si preoccuperebbero ancora di meno se queste aziende iniziassero a usare i loro dati per aiutarli ad avere le relazioni desiderate.

 

Detto questo, la domanda rimane: perché, esattamente, aziende come Facebook e Google vogliono conoscere i dettagli delle possibili rotture di coppia, molto prima che i diretti interessati decidano di premere il grilletto mettendo fine alla storia? Onestamente è difficile rispondere a questa domanda con certezza - la maggior parte delle grandi aziende tecnologiche sono comprensibilmente con la bocca cucita sulle specifiche di raccolta dei dati degli utenti -, tuttavia è lecito pensare che il primo motivo probabilmente non sarebbe per ragioni altruistiche e per la felicità delle persone.

 

È un fatto consolidato nel mondo del marketing che le persone siano più propense a spendere molti soldi dopo una brutta rottura di una relazione. "Quando una relazione finisce, la gente va a fare shopping", dice Sasidharan. È anche un fatto accertato che aziende come Facebook tengono traccia di queste informazioni - per i propri dati, gli utenti spendono il 25% in più sugli acquisti legati ai viaggi dopo aver cambiato lo stato della loro vita sentimentale su Facebook - e lo condividono con gli operatori di marketing che cercano di rinnovare le loro pratiche pubblicitarie mirate.

 

Con questo in mente, Sasidharan prevede che le aziende useranno quei dati per servirti annunci, "sapendo cosa stai per acquistare e dove andrai." Non è difficile immaginare un mondo in cui Facebook o Instagram avrà cognizione sul modo di pubblicare meno foto con il partner e poi pubblicare annunci per una compagnia aerea, una catena di hotel o persino un'app di appuntamenti. E ora che Facebook si è ufficialmente trasferito nel mercato degli appuntamenti lanciando la propria app per appuntamenti in Canada e Tailandia, otterrà l'accesso a dati utente ancora più preziosi (per non dire intimi). Facebook dice che al momento non mostra annunci o non prevede di mostrare annunci all'interno di appuntamenti su Facebook, e afferma che la società non "usa le informazioni su come le persone usano l'esperienza di incontri "per indirizzare gli annunci sui prodotti di Facebook".

 

Rimangono domande non poste
Se tralasciamo la questione se i Big Data possano offrire ai loro miners la possibilità di monetizzare le sofferenze d'amore e se supponiamo per un momento che le persone vorrebbero avere accesso a queste informazioni e che potremmo prevedere, con un alto grado di accuratezza, se una relazione avrebbe avuto successo una delle domande chiavi non è ancora stata fatta. Bisogna chiedersi, in maniera urgente e radicale, che cosa definisce una relazione di successo.

 

 

Non è detto che parlare relazioni di successo, significhi parlare di longevità di rapporto, di intensità sessuale o semplicemente di interessi comuni. Come quantificare le risate, il buonumore, il sentirsi pieni e le famose "farfalle allo stomaco"? Con i social media possiamo vedere e sapere molte cose di noi e degli altri e probabilmente potremo sapere e vedere sempre di più. Tuttavia il mondo digitale non ha percezione né quantificazione di tutto quello che  va oltre il visibile e il tangibile. Detto in altri termini come rendere nel mondo digitale il profumo dei limoni maturi o la sensazione sulla pelle della brezza serale in spiaggia?

 

Se queste sono le potenzialità e i limiti di questa galassia digitale, diventa necessario e urgente chiedersi quando pensiamo alla tecnologia per prevedere le nostre relazioni, dobbiamo pensare a ciò che stiamo cercando di prevedere. Come diceva la volpe ne Il piccolo principe di Antoine de Saint-Exupéry


"È molto semplice: non si vede bene che col cuore. L'essenziale è invisibile agli occhi". 


"L'essenziale è invisibile agli occhi", ripeté il piccolo principe, per ricordarselo. 
 

"E' il tempo che tu hai perduto per la tua rosa che ha fatto la tua rosa così importante".

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload