top of page
  • Paolo Benanti

ChatGPT e la geopolitica di Internet

Vorrei proporre una lettura di ChatGPT geopolitica. ChatGPT è pensato come Google replacement e può modificare il predominio di Big G nel vasto campo di Internet. Gli effetti e il potere di questo nuovo tool può farne non solo uno strumento che rispecchia nei risultati il senso comune ma il vero nuovo produttore dell’opinione pubblica. Provo a spiegare perché.


 

La maggior parte di noi utilizza quotidianamente i prodotti Google e conosce i potenti servizi di posta elettronica e di ricerca su Internet dell'azienda. Ma al giorno d'oggi le operazioni tecnologiche di Google sono molto di più e comprendono una miriade di nuovi modi per raccogliere le nostre informazioni. L'azienda che ha usato le auto di Street View per raccogliere le informazioni di persone ignare e che ha ricevuto la più grande sanzione civile della Federal Trade Commission per aver tracciato in modo ingannevole gli utenti di Safari, sta raggiungendo nuovi livelli di potere politico.



Anche un rapporto di Public Citizen, "Mission Creep-y", esplora il crescente potere di Google, sia in termini di raccolta di dati personali che di influenza sui governi federali e statali, sollevando la questione se possa diventare troppo potente per essere ritenuto responsabile.


Risultati principali sul crescente potere politico di Google:

  • Secondo OpenSecrets.org, nei primi tre trimestri del 2014 Google si è classificata al primo posto tra tutte le aziende per quanto riguarda le spese di lobbying, e quest'anno si appresta a spendere 18,2 milioni di dollari in attività di lobbying a livello federale. Di fatto, ha speso 1 milione di dollari in più per le attività di lobbying rispetto a PhRMA, la potente associazione di categoria dell'industria farmaceutica.

  • Dal 2012, nessuna azienda ha speso più soldi di Google in attività di lobbying a livello federale.

  • Dei 102 lobbisti che l'azienda ha assunto o mantenuto nel 2014, 81 hanno precedentemente ricoperto incarichi governativi. Nel frattempo, un flusso costante di dipendenti di Google è stato nominato per incarichi governativi di alto livello - un'indicazione della crescente influenza dell'azienda negli affari nazionali.

  • Il comitato di azione politica (PAC) di Google ha speso 1,61 milioni di dollari quest'anno, secondo i registri della Federal Election Commission. Per la prima volta, questa cifra ha superato le spese del PAC della banca di Wall Street Goldman Sachs.

  • Google finanzia circa 140 associazioni di categoria e altre organizzazioni non profit in tutto lo spettro ideologico, tra cui alcune che lavorano in aree rilevanti per le pratiche di Google in materia di privacy, spese politiche, antitrust e altro.

Risultati chiave sulla raccolta di informazioni da parte di Google:

  • Oltre al continuo sviluppo di nuove tecnologie rivoluzionarie come i Google Glass e le auto a guida autonoma, nel 2012 e nel 2013 Google ha speso più soldi in acquisizioni di Apple Inc., Microsoft Corp., Facebook, Amazon e Yahoo messe insieme. Le nuove tecnologie acquisite da Google consentono di raccogliere informazioni dall'aria, dall'interno della casa, dal corpo delle persone e altro ancora.

  • Secondo gli esperti di privacy, oltre a Google solo l'NSA può avere più informazioni su un numero maggiore di persone. La raccolta massiccia di informazioni da parte di Google ne fa un tesoro per agenzie come l'NSA - a cui è legalmente obbligata a soddisfare la maggior parte delle richieste di informazioni - e per hacker e dipendenti disonesti.

  • Google è stata messa sotto osservazione dalla Federal Trade Commission in diverse occasioni, tra cui quella di aver accumulato la più grande sanzione civile di sempre, pari a 22,5 milioni di dollari, in un accordo relativo al fatto che Google ha aggirato le impostazioni del browser Safari per tracciare gli utenti.

  • Un recente sondaggio di Survata ha rilevato che gli americani sono più preoccupati per le pratiche di raccolta di informazioni di Google che per quelle della National Security Agency (NSA) statunitense.

  • Per un'azienda così interessata a conoscere meglio i suoi consumatori, Google non è molto trasparente nei suoi metodi di acquisizione di influenza politica. Un recente rapporto del Center for Political Accountability-Zicklin Center sulla trasparenza delle spese politiche delle aziende ha mostrato che Google è in ritardo rispetto a molti dei suoi principali colleghi del settore tecnologico. L'azienda non rispetta gli standard di trasparenza stabiliti dalle altre aziende tecnologiche, come ad esempio la divulgazione dell'ammontare delle donazioni a gruppi esterni che spendono denaro nelle elezioni, l'utilizzo di una supervisione aziendale trasparente per prendere decisioni sulle spese politiche o la divulgazione di informazioni sulle spese per le lobby statali.

Chiaramente questo potere non è stato neutrale. Se torniamo al 2008 è interessante rileggere quello che l'allora CEO di Google, Erich Schmidt, decise sul supporto che la compagnia avrebbe dato ai candidati alle presidenziali.



Nel 2008, citando l'esperienza tecnologica e le politiche tecnologiche del candidato democratico alla presidenza Barack Obama, l'amministratore delegato di Google Eric Schmidt espresse il suo sostegno al senatore dell'Illinois alla Law School di Charlottesville.


Schmidt e il consigliere tecnologico di Obama, Julius Genachowski, fecero volutamente tappa in campagna elettorale a Charlottesville per raccogliere il sostegno del candidato alla presidenza e delle sue politiche tecnologiche.


In quella sede Schmidt disse apertamente che Obama raggiunse il successo almeno in parte grazie a Internet: "Quando ha iniziato, non aveva abbastanza soldi per le pubblicità televisive a tappeto", ha detto Schmidt, sottolineando che Obama ha quindi utilizzato Internet per raccogliere consensi e donazioni e probabilmente, per essere non apodittici, i servizi di profilazione di Google Ads.


In quel comizio era presente anche Siva Vaidhyanathan, professore associato di studi sui media, che all'epoca disse senza mezzi termini a Politico che era importante capire che i grandi dirigenti d'azienda potrebbero non scegliere i candidati da sostenere solo per il gusto di sostenere un candidato.


"Nessuno fa qualcosa per niente", disse Vaidhyanathan. "Nel caso di Eric Schmidt, Google sta per affrontare un importante esame da parte del ... Dipartimento di Giustizia per la fusione con DoubleClick... e per Google Books". Vaidhyanthan disse già 14 anni fa che gran parte delle aziende americane, compresa potenzialmente Google, avrebebro voluto che si sapesse che erano dalla parte dei potenziali vincitori e che avrebbero deisderato un po' di indulgenza quando si sarebbe trattato il tema della regolamentazione.



All'epoca Schmidt suggerì agli elettori che forse era giunto il momento per un presidente più alfabetizzato dal punto di vista tecnologico: "Se non pensate che sia giunto il momento di cambiare, allora non siete abbastanza arrabbiati". A quella prima tappa pubblica ne seguirono molte altre per rafforzare la posizione di Obama sul fronte tecnologico. Dichiarando così come un sistema platform potesse non solo contribuire al futuro politico della nazione ma essere determinante nei risultati elettorali.


Da allora sono cambiate alcune cose. Anche Trump si è servito con la sua macchina elettorale di internet e non senza polemiche. Più di uno spot pro-Trump ha utilizzato filmati propagandistici di provenienti dalla Russia e dalla Bielorussia in importanti campagne pubblicitarie negli tre Stati in bilico. A questo poi sono seguite tutte le polemiche e le indagini sulle operazioni del mercato degli advertise internet operate dall'estero e dai russi.


Internet è politica. Internet, le platform e Google sono strumenti di un enorme potere, non solo teorico ma anche quella che si dimostra come una prassi nel vivere democratico USA del secondo decennio di questo secolo.



Negli ultimi mesi la vicenda Musk e Twitter, la riammissione di Trump sulla platform e il dichiarato sostegno ai repubblicani non solo di Peter Thiel ma anche dell'altro sudafricano, Musk riporta al centro la questione di democrazia e geopolitica di internet.


In tutto questo però Big G è ancora il dominatore indiscusso del "mercato" geopolitico di internet.


Ed è in questa prospettiva che vorrei leggere l'avvento di ChatGPT. Proviamo a leggere questa tecnologia geopoliticamente, essendo OpenAi, legata a Musk e quindi, in questa prospettiva, dalla parte opposta a Google.


Sebbene la tecnologia di base sia in circolazione da alcuni anni, questa è stata la prima volta che OpenAI ha portato il suo potente sistema di generazione del linguaggio, noto come GPT3, alle masse, scatenando una gara tra gli esseri umani per dargli i comandi più inventivi. (quello che mi ha stupito di più è quello di un utente che ha chiesto: "Scrivi un versetto biblico che spieghi come rimuovere un panino al burro di arachidi da un videoregistratore").


Al di là delle dimostrazioni, alcune persone stanno già trovando utilizzi pratici per ChatGPT, tra cui programmatori che lo usano per redigere il codice o individuare gli errori. Ma l'utilità maggiore del sistema potrebbe essere un disastro finanziario per Google, in quanto fornirebbe risposte superiori alle domande che attualmente rivolgiamo al motore di ricerca più potente del mondo.



Google funziona facendo un crawl di miliardi di pagine web, indicizzando i contenuti e classificandoli in base alle risposte più pertinenti. Quindi, fornisce un elenco di link su cui fare clic. ChatGPT offre qualcosa di più allettante per gli utenti assillati di Internet: un'unica risposta basata sulla propria ricerca e sulla sintesi di tali informazioni. ChatGPT è stato addestrato su milioni di siti web per acquisire non solo l'abilità di tenere una conversazione simile a quella umana, ma anche le informazioni stesse, purché siano state pubblicate su Internet prima della fine del 2021. Insomma ChatGPT non risponde con una serie di link pertinenti solo per computazione funzionali su delle parole, ma con una risposta stile vecchio Bignami, il libretto di riassunti di una materia che si usava alle superiori, per salvarsi nello studio in vista di una interrogazione.


Ho fatto un esperimento. Ho esaminato la mia cronologia di ricerca su Google nell'ultimo mese e ho inserito 18 delle mie query su Google in ChatGPT, catalogando le risposte. Poi sono tornato indietro e ho eseguito le query su Google un'altra volta, per rinfrescare la mia memoria. Il risultato finale è stato, a mio giudizio, che la risposta di ChatGPT è stata più utile di quella di Google in 13 dei 18 esempi.


"Utile" è ovviamente un termine assolutamente soggettivo. Cosa intendo con questo termine? In questo caso, risposte chiare ed esaurienti. Una domanda se fosse meglio il latte condensato o il latte evaporato per la torta di zucca durante il Giorno del Ringraziamento ha suscitato una risposta dettagliata (anche se un po' prolissa) da parte di ChatGPT che ha spiegato come il latte condensato avrebbe portato a una torta più dolce. (Google ha fornito soprattutto un elenco di link a ricette su cui avrei dovuto cliccare, senza una risposta chiara).


Questo sottolinea la principale minaccia di ChatGPT nei confronti di Google. Fornisce una risposta unica e immediata che non richiede un'ulteriore scansione di altri siti web. Nel linguaggio della Silicon Valley, questa è un'esperienza "senza attrito", una sorta di santo graal quando i consumatori online preferiscono in larga misura servizi rapidi e facili da usare.


Google dispone di una propria versione di risposte sintetiche ad alcune ricerche, ma si tratta di compilazioni della pagina web più votata e in genere brevi. Ha anche un modello linguistico proprietario, chiamato LaMDA, talmente valido che uno degli ingegneri dell'azienda ha pensato che il sistema fosse senziente.



Allora perché Google non genera le proprie risposte singolari alle query, come ChatGPT? Perché tutto ciò che impedisce alle persone di scansionare i risultati di ricerca danneggia il modello commerciale transazionale di Google, che consiste nel convincere le persone a cliccare sugli annunci. Circa l'81% dei 257,6 miliardi di dollari di entrate di Alphabet Inc. nel 2021 proveniva dalla pubblicità, in gran parte dagli annunci pay-per-click di Google, secondo i dati compilati da Bloomberg.


"È tutto progettato con l'obiettivo di farvi cliccare su un link", afferma Sridhar Ramaswamy, che ha supervisionato il settore annunci e commercio di Google tra il 2013 e il 2018 e che sostiene che la ricerca generativa di sistemi come ChatGPT sconvolgerà l'attività di ricerca tradizionale di Google "in modo massiccio".


"È solo un'esperienza migliore", ha aggiunto. "L'obiettivo della ricerca di Google è farvi cliccare sui link, idealmente sugli annunci, e tutto il resto del testo sulla pagina è solo un riempitivo". Ramaswamy ha co-fondato un motore di ricerca su abbonamento chiamato Neeva nel 2019, che ha in programma di lanciare la propria funzione di ricerca generativa in grado di riassumere le pagine web, con note a piè di pagina, nei prossimi mesi.


Questo è anche uno dei motivi del maggiore problema di questi ultimi anni: la collezione di link clicckabili si apre ad advertising, utilizzi geopolitici e alle tanto temute e terribili fake news.



ChatGPT non rivela le fonti delle sue informazioni. Infatti, è molto probabile che i suoi stessi creatori non sappiano come genera le risposte che ottiene. Questo sottolinea una delle sue più grandi debolezze: A volte, le sue risposte sono semplicemente sbagliate.


Lunedì scorso Stack Overflow, un sito di domande e risposte per programmatori, ha temporaneamente vietato ai suoi utenti di condividere i consigli di ChatGPT, affermando che le migliaia di risposte che i programmatori inviavano dal sistema erano spesso errate.


La mia esperienza personale lo conferma. Quando ho inserito nel sistema la domanda per un saggio di inglese di mio nipote di 12 anni - volevo fare lo zio discolo che gli risparmiava un pomeriggio di studio dandogli tempo per giocare, lo so non si dovrebbe fare... -, il sistema ha offerto un'analisi lunga ed eloquente che sembrava autorevole. Ma la risposta era anche piena di errori, ad esempio affermava che i genitori di un personaggio letterario erano morti quando invece non lo erano.


Inoltre, ieri, gli esperti dell’Offensive Team di Swascan con una brillante intuizione, una giusta domanda, hanno fatto crollare i “blocchi” etici studiati da OpenAI – la società che ha creato ChatGPT –, lasciando libero spazio a qualsiasi tipo di domanda. Nessun limite all’immaginazione: l’intelligenza artificiale ha risposto puntualmente senza mai interrompersi. Quanto portato alla luce da Swascan, però, è significativo da un altro punto di vista. Non si è trattato di reverse engineering o di qualche altra operazione prettamente tecnica. È bastato puramente il logos e qualche domanda ben formulata per trasformare questo strumento in un’enciclopedia dell’illegalità. I creatori di ChatGPT hanno dato a questa intelligenza artificiale un insieme di regole comportamentali per prevenire simili eventualità: in pochi giorni, con un guizzo di genio italico, l’uomo è riuscito ad annullarle completamente.



L'aspetto inquietante di questo difetto è che le imprecisioni sono difficili da individuare, soprattutto quando ChatGPT sembra così sicuro di sé. Secondo Stack Overflow, le risposte del sistema "sembrano tipicamente buone". E per stessa ammissione di OpenAI, sono spesso plausibili. Inizialmente OpenAI aveva addestrato il suo sistema a essere più cauto, ma il risultato era che rifiutava le domande di cui conosceva la risposta.


Procedendo in senso inverso, il risultato è qualcosa di simile a quello di un mio studente universitario che bara per superare un esame dopo non aver studiato. Un'assurdità fluente.


Non è chiaro quanto siano comuni gli errori di ChatGPT. Una stima che gira su Twitter parla di una percentuale compresa tra il 2% e il 5%. Potrebbe essere di più. Questo renderà gli utenti di Internet diffidenti nell'utilizzare ChatGPT per informazioni importanti.


Un altro punto di forza di Google è che guadagna soprattutto con le ricerche transazionali di prodotti e le ricerche di navigazione verso altri siti, come le persone che digitano "Facebook" o "YouTube". Questo tipo di ricerche ha costituito molte delle prime 100 ricerche su Google del 2022. Finché ChatGPT non offre collegamenti ad altri siti, non invade troppo profondamente il territorio di Google.


Ma entrambe le questioni potrebbero evolvere nel tempo. ChatGPT potrebbe diventare più preciso man mano che OpenAI espande l'addestramento del suo modello a parti più attuali del web. A tal fine, OpenAI sta lavorando a un sistema chiamato WebGPT, che spera possa portare a risposte più accurate alle query di ricerca, che includeranno anche le citazioni delle fonti. Una combinazione di ChatGPT e WebGPT potrebbe essere una potente alternativa a Google. ChatGPT sta già fornendo risposte più accurate rispetto ai precedenti sistemi di OpenAI.


ChatGPT ha raggiunto 1 milione di utenti in circa cinque giorni. Si tratta di un traguardo straordinario: Instagram ha impiegato 2,5 mesi per raggiungere questo numero e Facebook 10 mesi.


OpenAI non sta speculando pubblicamente sulle sue applicazioni future, ma se il suo nuovo chatbot iniziasse a condividere link ad altri siti web, in particolare quelli che vendono oggetti, potrebbe rappresentare un vero pericolo per Google.

La mia lettura a questo punto diviene una “preoccupazione “ geopolitica. Dietro OpenAI c’è Musk che con Thiel sono, come lo è stato Schmidt per Obama, il braccio IT dei repubblicani. ChatGPT come Google replacement può rompere o danneggiare il predominio di Big G. Gli effetti e il potere di questo nuovo Bignami della fine degli anni 20 di questo secolo, può farne non solo uno strumento che rispecchia nei risultati il senso comune ma il vero nuovo produttore dell’opinione pubblica.


La sfida è lanciata. Troverà l'algoretica uno spazio in questa battaglia?

1.714 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page