• Paolo Benanti

Eat Sleep Work Repeat: il lato oscuro dello smart working

Molti in questi giorni stanno sperimentando lo smart working con le sue opportunità e i suoi limiti. Avevo voglia di scrivere qualcosa sul tema specie dopo aver letto un po' di tempo fa il libro di Bruce Daisy Eat Sleep Work Repeat. Poi ho letto sul Washington Post una intervista all'autore fatta dal sempre ottimo Ron Charles un giornalista che scrive di libri per il Washington Post e scrive per TotallyHipVideoBookReview.com. Ve la ripropongo in traduzione. Buona lettura.

Lavorare da casa doveva essere il paradiso. È un inferno - e l'autore di 'Eat Sleep Work Repeat' sa perché

di Ron Charles


Solo un mese fa, Bruce Daisley, uno dei vice presidente di Twitter, ha pubblicato un libro sul miglioramento della vita in ufficio chiamato "Eat Sleep Work Repeat". Ma ora, nel profondo della quarantena del coronavirus , molti di noi sono intrappolati in un ciclo ancora più estremo di "mangia, dormi, lavora, ripeti". Le comuni irritazioni dell'ufficio sono state sostituite dalle esigenze di assistenza all'infanzia, dalle sfide dell'isolamento e dalla costante paura di perdere i propri cari.


Ho parlato con Daisley dal suo appartamento a Londra, dove è rintanato con un frigorifero stracolmo. Questa conversazione è stata modificata per motivi di lunghezza e chiarezza.


D: Quali sono le maggiori sorprese che le persone affrontano quando iniziano a lavorare da casa? A: Molti di noi probabilmente pensavano che il lavoro a distanza e il lavoro da casa sarebbero diventati il ​​futuro. Sarebbe stata una risposta a molti dei nostri problemi. A poco a poco ci viene in mente che il lavoro a distanza contiene le risposte come uno strumento occasionale da usare per noi, ma sicuramente non è sempre la soluzione. I livelli di stress dei lavoratori remoti sono significativamente più alti di quelli delle persone che lavorano in ufficio. E sospetto che inizierà a recitare una parte in quello che sperimenteremo andando avanti.


D: Quali problemi dovremmo cercare?

A: Quando non riesci più a vedere il sorriso di qualcuno vicino agli ascensori o qualcuno che annuisce in una riunione - quando siamo rimossi da quei piccoli segnali sociali umani, il lavoro può iniziare a farci sentire isolati. Se hai alcuni lavoratori che lavorano in remoto, spesso dicono che temono che al loro capo non piacciano e che i loro colleghi non si fidano di loro. È semplicemente perché riceviamo così tanti spunti non verbali dalle persone che ci circondano che quando vengono rimossi, iniziamo a riempire il vuoto di pensieri oscuri, specialmente nella situazione in cui siamo in questo momento.


D: Come possiamo contrastare quel senso di isolamento?

A: Le persone che sopravviveranno meglio dovranno intraprendere un'azione che inizialmente sembra un po 'scomoda: alzare il telefono e chiamare alcuni colleghi una o due volte alla settimana. Normalmente l'avremmo trovato inutile, ma dobbiamo assicurarci di mantenere le connessioni umane.


D: Abbiamo sentito parlare così tanto dell'importanza di mantenere una separazione tra casa e ufficio, ma come è possibile ora che si trovano nello stesso posto?

A: Abbastanza spesso le persone che parlano di creare una separazione tra vita domestica e vita lavorativa potrebbero essere abbastanza fortunate da avere uno studio a casa o una stanza libera in cui possono andare al lavoro. Ma sospetto per la maggior parte delle persone che ora lavorano da casa che lo spazio extra non sarà un dato - certamente non per i lavoratori di Londra, Manhattan e altre grandi città. Quindi creare una separazione significa dire: “Non lavorerò dopo un certo periodo di sera. Proverò a creare una routine per me stesso". Quelle sono decisioni davvero critiche da implementare già ora.


Bruce Daisy autore di Eat Sleep Work Repeat


D: In che modo l'improvviso aumento del lavoro a distanza sta cambiando il flusso della gestione dell'ufficio?

A: Quando i manager affrontano l'incertezza, l'ansia e i problemi, spesso raggiungono una condizione di controllo. Qualcuno mi ha detto la scorsa settimana di aver fatto tra le 30 e le 40 ore di chiamate con Zoom, che a volte è ciò che si chiama presenteeismo: l'idea che, perché non possiamo misurare ciò che le persone fanno nel loro lavoro, il fatto stesso che ci sediamo alla loro scrivania questo acceleri la produttività. Penso che stiamo vedendo un sostituto di questo modello nel mondo del lavoro remoto. Non c'è niente che possa dare un'esperienza peggiore di una telefonata Zoom di due ore mentre i tuoi bambini creano caos nella stanza accanto.


D: Qual è la soluzione a questo?

A: Accettare l'accordo che tutti si impegnino a una risposta rapida. Il vantaggio è che tutti hanno una chance. Se sanno che devono porre una domanda al capo, se devono ottenere una risposta da qualcun altro, possono ottenere molto rapidamente una risposta immediata che non ci si aspetta necessariamente in altre occasioni.


D: Parlando di quei bambini che creano caos, cosa dici ai genitori che cercano di lavorare con i loro figli legati alla casa?

A: Se tuo figlio è felice, la casa è felice. Quindi c'è bisogno di molti più compromessi di quelli che molti di noi si prefiggono di portare. Sappi che una discreta quantità di buona scuola sarà meglio di niente in questo momento. Essere un genitore abbastanza bravo sarà la cosa che tutti dobbiamo imparare a fare, piuttosto che cercare di essere il genitore modello.



D: Quasi tutti quelli che conosco dicono che hanno problemi a concentrarsi. Qualche consiglio?

A: Un paio di giorni fa c'era un articolo della Harvard Business Review che diceva che, se ti senti costantemente esausto in questo momento, non essere sorpreso. Questa è un'esperienza comune di lutto. Quando le persone avvertono per tutto il giorno un basso livello di ansia, questo si manifesta nella nostra modalità di apparire [physiognomy in inglese]. Si manifesta in noi il sentirsi esausti attraverso l'esaurire le capacità emotive. Quindi non spingiamoci oltre i nostri limiti proprio ora. Usiamo almeno questa opportunità per riflettere su ciò che è importante, piuttosto che cercare di mantenere livelli insostenibili di prestazioni in un tempo così singolare e triste.


1,048 visualizzazioni