• Paolo Benanti

Elon Musk e la “liberazione” di Twitter: prime crepe nel sistema

I media di tutto il mondo stanno ribattendo una notizia economica molto interessante: una delle grandi aziende del farmaceutico, la Eli Lilly, ha pubblicato un tweet in cui si scusava con i suoi pazienti diabetici ricordando che la sua insulina non è gratis ma a pagamento. Bizzarria? Problemi di listino? Le cose sono più complesse. Forse nuove forme di attivismo politico. Proviamo a veder il quadro generale.


 

Eli Lilly ha pubblicato ieri un messaggio insolito su Twitter. Il gigante farmaceutico si è scusato per un tweet fuorviante in cui una persona che si spacciava per l'azienda scriveva: "Siamo entusiasti di annunciare che l'insulina è ora gratuita".



La confusione che ha toccato la Eli Lilly (handle twitter reale @LillyPad) è frutto dei cambiamenti introdotti in Twitter dopo l'acquisizione da 44 miliardi di dollari da parte di Elon Musk. Alcuni soggetti non ancora identificati, sono riusciti a creare facilmente un account Twitter dall'aspetto ufficiale - con un segno di spunta blu per il falso nome utente "EliLillyandCo" - pagando 8 dollari al mese per Twitter Blue. Il nuovo servizio in abbonamento, introdotto sotto Musk, è dotato di una spunta blu che in precedenza indicava che gli account erano legittimi.



Qualche ora dopo il falso post, le azioni di Eli Lilly hanno subito un brusco calo. Non è del tutto chiaro quanto il calo sia legato al post. Ma allo stesso modo, le azioni di Lockheed Martin sono scese dopo che un account falso - sempre utilizzando Twitter Blue - ha affermato che l'azienda stava interrompendo le vendite di armi in alcuni Paesi.


David Ricks, CEO of Eli Lilly & Co.


Anche le società di videogiochi Nintendo e Valve sono state prese di mira da burloni che hanno usato Twitter Blue, così come importanti atleti, tra cui la stella dell'NBA LeBron James (che ha finto di chiedere uno scambio) e il lanciatore della Major League Baseball Aroldis Chapman (che ha affermato di aver firmato un accordo che non aveva).



Prima che Musk assumesse il controllo della piattaforma, i controlli blu servivano a contrassegnare gli account legittimi e venivano distribuiti liberamente alle fonti che Twitter riteneva degne di nota e affidabili.


Il 5 novembre, Twitter ha annunciato il servizio Twitter Blue, affermando in un aggiornamento della sua app sui dispositivi Apple iOS che gli utenti avrebbero potuto ricevere il segno di spunta blu accanto ai loro nomi "proprio come le celebrità, le aziende e i politici che già seguite".


Questa operazione ha aperto la porta a una serie di situazioni inconsuete: dagli scherzi fino agli inganni commerciali e finanziari come quelli fatti a Eli Lilly hanno preso di mira sia le aziende farmaceutiche sia Twitter.



Tuttavia questa è solo una parte della storia perché essendo stata presa di mira un’azienda che produce insulina potremmo trovarci di fronte a una vera e propria nuova stagione di attivismo politico che passa attraverso le crepe della finanziarizzazione della Silicon Valley.

Quando l'inventore Frederick Banting scoprì l'insulina nel 1923, si rifiutò di apporre il suo nome sul brevetto. Riteneva che non fosse etico per un medico trarre profitto da una scoperta che avrebbe salvato delle vite. I co-inventori di Banting, James Collip e Charles Best, vendettero il brevetto dell'insulina all'Università di Toronto per un solo dollaro: volevano che tutti coloro che avevano bisogno del farmaco potessero permetterselo.


Oggi Banting e i suoi colleghi si starebbero rigirando nella tomba: Il loro farmaco, a cui si affidano molti dei 30 milioni di americani affetti da diabete, è diventato il manifesto dei prezzi stracciati delle case farmaceutiche.


Il costo dei quattro tipi di insulina più diffusi è triplicato negli ultimi dieci anni e le spese di prescrizione che i pazienti devono sostenere sono raddoppiate. Nel 2016, il prezzo medio mensile è salito a 450 dollari e i costi continuano ad aumentare, tanto che ben una persona su quattro affetta da diabete sta ora saltando o riducendo le dosi salvavita.

Nel diabete di tipo 1, che colpisce circa il 5% delle persone affette da diabete negli Stati Uniti, il sistema immunitario attacca le cellule del pancreas che producono insulina, lasciando all'organismo una quantità scarsa o nulla dell'ormone. Nel diabete di tipo 2, il pancreas produce ancora insulina, ma l'organismo è diventato resistente ai suoi effetti. In entrambi i casi, i pazienti si affidano ai farmaci insulinici per mantenere l'energia proveniente dal cibo nel loro corpo.


Gli Stati Uniti, tuttavia, rappresentano solo il 15% del mercato globale dell'insulina e generano quasi la metà dei ricavi dell'industria farmaceutica. Secondo un recente studio pubblicato su JAMA Internal Medicine, negli anni '90 Medicaid pagava tra i 2,36 e i 4,43 dollari per unità di insulina; nel 2014, questi prezzi sono più che triplicati, a seconda della formulazione.


Le aziende farmaceutiche fanno pagare l'insulina negli Stati Uniti più che in quasi tre dozzine di altri Paesi esaminati dai ricercatori della RAND, e non ci si avvicina nemmeno. Il prezzo medio di listino di una fiala di insulina in Canada era di 12 dollari, mentre oltre il confine americano era di 98,70 dollari.



Queste differenze spiegano perché l'insulina è diventata un simbolo dell'alto costo dell'assistenza sanitaria americana. Negli ultimi anni i suoi prezzi sono aumentati a dismisura, per ragioni a dir poco oscure, e chi può permettersela meno spesso paga di più. Il contenimento dei prezzi è diventato una rara causa politica abbracciata da democratici e repubblicani.


Le aziende farmaceutiche hanno subito pressioni per il costo elevato dell'insulina e di altri farmaci. Questo ha contribuito a far sì che l'Inflation Reduction Act, l'ampia legislazione del presidente Joe Biden in materia di assistenza sanitaria, clima e tasse, includesse una disposizione che limita il costo dell'insulina a 35 dollari al mese (almeno per i beneficiari di Medicare).


Eli Lilly non ha menzionato né l'insulina né i prezzi nella nota di chiarimento del suo vero account Twitter, scrivendo semplicemente: "Ci scusiamo con coloro che hanno ricevuto un messaggio fuorviante da un falso account Lilly. Il nostro account Twitter ufficiale è @LillyPad".


Eli Lilly si è trovata di fronte a un altro inganno da parte di un secondo account Twitter falso, quello di "LillyPadCo", come riporta Insider. Fingendo anch'esso di essere il vero account dell'azienda, si è scusato per il primo messaggio falso, scrivendo che Humalog, un farmaco per il diabete venduto da Eli Lilly, "è ora a 400 dollari. Possiamo farlo quando vogliamo e non c'è nulla che possiate fare. Beccatevi questo".



Il portavoce dell'azienda farmaceutica ha dichiarato a Fortune: "Siamo profondamente impegnati a garantire che i pazienti e i clienti ricevano informazioni accurate sui nostri farmaci". Negli ultimi giorni, account Twitter falsi/parodici di Lilly hanno comunicato informazioni false e stiamo lavorando per correggere questa situazione".



Insomma Elon Musk nel suo tentativo di “liberare l’uccellino, mentre tutto il mondo guarda a come e se questo diventerà un arma in mano ai repubblicani e anche a quanto e come riuscirà a riempirsi le tasche per le possibili rendite della sua missione di salvezza tecnologica, potrebbe in realtà aver aperto un portone a tutta una serie di azioni di protesta contro il capitalismo sfrenato del mercato US. Twitter, l’uccellino azzurro, una volta liberato non è detto che non porti cinguettii funesti. Come sempre l’etica delle tecnologie ci chiede di analizzare quanto succede guardando soprattutto a come gli artefatti tecnologici producono un cambio nelle relazioni di potere e nella sfera pubblica.

580 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti