• Paolo Benanti

Not made in China: il nuovo marchio nell'elettronica?

Il Covid-19 sta accelerando o rendendo possibili transizioni che forse prima sembravano irrealizzabili. Vediamo come l'elettronica potrebbe uscire stravolta nella sua supply chain da questa fase pandemica.



Fino a tre anni fa, la produzione di device elettronici in Cina era scontata. Questo è cambiato radicalmente ora in un era di guerre commerciali e di coronavirus.



In base alla nuova realtà, i produttori di elettronica di tutto il mondo sono attivamente alla ricerca di modi per diversificare le loro catene di approvvigionamento e ridurre la loro dipendenza da ogni singolo paese, non importa quanto sia attraente.

Non c'è mai stata tanta angoscia tra i fornitori. E non c'è da meravigliarsi, perché secondo la maggior parte degli analisti, il mondo sta affrontando alcuni dei più grandi shock alla produzione da quando i produttori di Taiwan - responsabili dell'assemblaggio della maggior parte dei device elettronici del mondo - hanno iniziato a levare le tende in massa andando verso la Cina 30 anni fa.

Questa ultima tendenza è iniziata con la battaglia tariffaria USA-Cina, che l'anno scorso ha raggiunto un punto di ebollizione. Ora l'inizio della pandemia di Covid-19 ha rapidamente accelerato quei piani e incoraggiato i manager a parlare apertamente dei loro sforzi per un esodo.


In questi giorni, più conversazioni con i dirigenti tecnologici di Taiwan ruotano attorno alla scelta della migliore posizione al di fuori della Cina continentale per la produzione. A loro piace il Vietnam per la sua vicinanza alla Cina, anche se il costo del lavoro è in aumento. Mentre Taiwan è considerata troppo costosa, di nuovo principalmente a causa di salari relativamente alti.

Per quanto riguarda gli utili, gli analisti chiedono sempre più alle aziende come intendono distribuire la diffusione geografica delle strutture per evitare le sanzioni doganali statunitensi sulle importazioni cinesi. All'inizio della presidenza di Donald Trump, i dirigenti evitavano le domande che non volevano far arrabbiare Pechino. Ma recentemente forniscono apertamente i dettagli della delocalizzazione dalla Cina ora vista come inevitabile. Nessuno vuole essere visto in ritardo nello sviluppare forme di assicurazione contro il rischio.

Simon Lin, presidente dell'assemblatore di iPhone Wistron Corporation, è stato persino abbastanza audace da dire agli analisti la scorsa settimana che la sua azienda potrebbe avere il 50% di capacità al di fuori della Cina entro il 2021. Altri due assemblatori di Taiwan hanno anche annunciato ulteriori piani per rafforzare le loro capacità di produzione non cinesi negli ultimi sette giorni.

Covid-19 sta affrettando tali mosse. Eric Tseng, amministratore delegato di Isaiah Research con sede a Taipei, ha affermato che alcune società si sono trattenute dal prendere qualsiasi decisione importante sulla catena di approvvigionamento, in attesa di vedere se ci fosse una risoluzione duratura per il conflitto commerciale tra Washington e Pechino. “Ma il coronavirus mette a rischio la vita delle persone. Ora molte aziende accelereranno la loro partenza".


Non sarà facile replicare l'intricata rete di fornitori, lavoratori competenti, sistemi di distribuzione efficienti e grandi consumatori domestici che la Cina offre (la cosiddetta supply chain), e anche le autorità stanno facendo la loro parte per influenzare i produttori a rimanere. A Zhengzhou, sede del mega-complesso di “iPhone City”, il governo locale ha nominato funzionari appositamente designati per aiutare Foxconn, partner di Apple, a risolvere i problemi logistici e di carenza di manodopera causati dalla diffusione del coronavirus.

Apple ha anche affermato di non voler effettuare rapidi spostamenti fuori dalla Cina a causa di interruzioni legate ai virus. "Stiamo parlando di regolare alcune manopole, non una sorta di grossolano, fondamentale cambiamento", ha detto l'amministratore delegato Tim Cook alla fine di febbraio.


Tuttavia, Foxconn ha iniziato a sfornare vecchi iPhone in India lo scorso anno, una mossa che sembrava segnalare il crescente interesse di Apple a rafforzare la sua presenza nel più grande mercato al mondo di smartphone dopo la Cina. Indipendentemente dal fatto che scelgano l'India, il Vietnam o qualsiasi altro paese, è chiaro che i produttori di elettronica hanno superato il punto di non ritorno nella loro graduale migrazione dalla Cina.


Stiamo assistendo già a nuove tendenze che mostrano quello che sarà il "dopo" del virus? Guardare ai segni di questa nuova stagione non è mai stato così importante come ora.

0 visualizzazioni