• Paolo Benanti

Palantir sbarca in Europa: resisterà lo stato di diritto?

La Palantir è stata spesso descritta come un'azienda segreta. C'è del vero in questo. Ora che Palantir ha una serie di clienti in una gamma più ampia di settori, c'è la necessità di vedere bene di cosa si tratta. Ciò è particolarmente vero per settori come la sanità, dove il software di Palantir viene utilizzato per elaborare i dati personali. Ancora di più se inizia a permeare le infrastrutture democratiche europee. Cerchiamo di unire i puntini in una costellazione di informazioni disperse in rete.



«I palantíri potevano parlare indistintamente fra di loro, ma ad Osgiliath li potevano sorvegliare tutti insieme allo stesso tempo. Ora parrebbe che la roccia di Orthanc che ha resistito a tutte le intemperie conservi ancora il suo palantír. Ma senza gli altri poteva vedere ben poco, solo piccole immagini di cose lontane e di giorni remoti. Ciò si dimostrò, senza alcun dubbio, assai utile a Saruman; eppure evidentemente non gli bastava a renderlo soddisfatto. Guardò sempre più lontano verso ignoti paesi, finché posò lo sguardo su Barad-dûr. Ed allora fu reso succube!» — Gandalf, Il Signore degli Anelli, libro III, cap. XI, "Il Palantír".


«Direi che un modo per inquadrare la sfida dell'IA è che si tratta ovviamente di una nuova tecnologia. Può essere un'arma potente, ma ci sono anche modi in cui ha una sorta di atmosfera totalitaria.» — Peter Thiel, presidente di Palantir

Cosa è Palantir?


Non parliamo del Signore degli anelli ma di una società del mondo dell'IT. Avevamo già trattato del tema in un precedente post, ecco un recap dell'azienda.



Partiamo da una premessa. Chi è Palantir Technologies? Ha scovato l’ultimo nascondiglio di Bin Laden in Pakistan. In Afghanistan guidava i Marines, anticipando gli attacchi delle forze ribelli. La società è venuta in soccorso agli agenti della narcotici US, la DEA, in Messico per sgominare un cartello della droga. Sempre la Palantir Technologies ha permesso di risalire agli hacker che si erano introdotti nel computer del Dalai Lama. Infine è stata Palantir con le sue tecnologie che ha aiutato l'FBI nel riconoscimento facciale dei due attentatori ceceni della maratona di Boston.

Gli ingegneri di Palantir Technologies, società specializzata nella raccolta e analisi dei dati raccolti, sviluppano prodotti per l’antiterrorismo, la frode, lo spionaggio anche industriale, le emergenze naturali e rispondono a ogni possibile richiesta di controllo, prevenzione e sorveglianza di massa. Fondata nel 2004 a Palo Alto da Alex Karp, Joe Lonsdale e Peter Thiel, il nome della start-up si ispira alla pietra veggente nella trilogia del Signore degli Anelli. Nella dimensione tolkeniana è una sfera magica usata dal signore del male per controllare i suoi nemici. Rivisitata in chiave politica diventa l’ispirazione della missione aziendale. Si legge sul sito: «Con dati affidabili e tecnologia adatta, persone e istituzioni possano risolvere problemi complessi e cambiare il mondo in meglio».

Con questi biglietti di visita Palantir ha avuto collaborazioni, a quanto è dato sapere, con i servizi di Gran Bretagna, Australia, Canada e Nuova Zelanda. Palantir è una delle aziende più importanti e, contemporaneamente, maggiormente inaccessibili che lavorano nell'analisi dei big data. Negli USA la società funge da servizio di gestione delle informazioni per lo United States Immigration and Customs Enforcement (ICE), per società come JP Morgan e Airbus e decine di altre agenzie locali, statali e federali. È stata descritta dai ricercatori della cybersecurity come una "rete di sorveglianza secondaria", poiché cataloga ampiamente e mappa le relazioni interpersonali tra individui, anche quelli che non sono sospettati di un crimine.



Ecco come si definiscono nel loro blog:


Il modello di business di Palantir

Palantir non è un "broker di dati" o un "aggregatore di dati".

A differenza di molte aziende tecnologiche, il nostro modello di business non si basa sulla monetizzazione dei dati personali. Non raccogliamo, archiviamo o vendiamo dati personali. Non utilizziamo i dati personali per addestrare modelli proprietari di intelligenza artificiale o machine learning da condividere o rivendere ad altri clienti. Non facilitiamo mai il movimento dei dati tra i clienti, tranne quando quei clienti specifici hanno stipulato un accordo tra loro.

Palantir è una società di software.

Realizziamo infrastrutture digitali per operazioni e processi decisionali basati sui dati. I nostri prodotti fungono da tessuto connettivo tra i dati di un'organizzazione, le sue capacità di analisi e l'esecuzione operativa. Le piattaforme di Palantir collegano questi elementi portando i dati giusti alle persone che ne hanno bisogno, consentendo loro di prendere decisioni basate sui dati, condurre analisi sofisticate e perfezionare le operazioni attraverso il feedback. Concediamo in licenza questo software alle organizzazioni, che ricevono istanze uniche e sicure delle nostre piattaforme in cui condurre il proprio lavoro sui propri dati.

Questa infrastruttura aiuta le organizzazioni a riunire i dati giusti al momento giusto per rispondere a domande complesse e prendere decisioni intelligenti. Ciò è particolarmente utile quando i sistemi esistenti sono frammentati e le informazioni essenziali sono conservate in silos che non possono comunicare tra loro. Le organizzazioni sanitarie, ad esempio, hanno utilizzato il nostro software per affrontare sfide come l'allocazione efficiente delle forniture di DPI quando migliaia di ospedali in tutto il paese hanno livelli di domanda e offerta radicalmente diversi e in costante cambiamento per ciascun articolo di DPI.

Le nostre piattaforme software consentono alle organizzazioni di gestire al meglio i dati che già legalmente controllano.

Queste piattaforme sono utilizzate in alcuni degli ambienti informativi più sensibili e sicuri al mondo, richiedendo una protezione e una governance dei dati di livello mondiale . In quanto tale, abbiamo un record di sicurezza delle informazioni eccezionalmente solido .

Per quanto riguarda i dati dei clienti, agiamo come responsabili del trattamento dei dati, non come responsabili del trattamento dei dati. Il nostro software e i nostri servizi sono utilizzati sotto la direzione delle organizzazioni che concedono in licenza i nostri prodotti: queste organizzazioni definiscono cosa può e non può essere fatto con i loro dati; controllano i conti Palantir in cui viene condotta l'analisi; e tutti gli ingegneri Palantir che li assistono nel loro lavoro seguono queste indicazioni. Non riutilizziamo e non possiamo riutilizzare o trasferire i dati dei nostri clienti per i nostri scopi. Tentare di trarre profitto dai dati dei clienti in questo modo sarebbe illegale e minerebbe la fiducia necessaria per lavorare negli ambienti sensibili in cui abbiamo costruito la nostra attività.



Al di là di questa autopresentazione commerciale, l'idea è quella di lavorare nella fusione di fonti di dati diversi rendendoli "parlanti" e "semanticamente" significanti come nota Wired:


Il mercato della tecnologia di fusione ha registrato un boom silenzioso negli ultimi anni. Genetec afferma che Citigraf è distribuito in "molte città". Un numero crescente di giganti della tecnologia affermati, tra cui Cisco , Microsoft e Motorola , vendono sistemi di fusione a livello globale, spesso sotto le spoglie di pacchetti di modernizzazione per "città intelligenti". (Cisco a volte addolcisce anche il piatto con finanziamenti senza interessi.) Palantir , che si autodefinisce una società di "integrazione dei dati", secondo quanto riferito conta tra i suoi clienti la Central Intelligence Agency, l'immigrazione e l'applicazione delle dogane e i Centers for Disease Control and Prevention . Andurilha costruito un "muro virtuale" lungo parti del confine con il Messico, utilizzando un software di fusione per collegare insieme una rete di torri di sorveglianza. Lo scorso autunno, la società di quattro anni ha vinto un contratto flessibile, con un tetto massimo di 950 milioni di dollari, per contribuire con elementi della tecnologia all'Advanced Battle Management System delle forze armate statunitensi .


Per tutti questi clienti, un aspetto fondamentale della fusione è che può scalare a nuove fonti di dati. Puoi aggiungere carburante al tuo "motore di correlazione", ad esempio collegando una nuova rete di sensori o acquisendo una libreria privata di dati sulla posizione dello smartphone. (Il comando delle operazioni speciali del Pentagono è stato recentemente rivelato essere un acquirente di molte di queste biblioteche, comprese quelle di un'app di preghiera musulmana con decine di milioni di utenti.) Le organizzazioni con i propri programmatori possono sviluppare capacità internamente. A New York, ad esempio, la divisione analitica del dipartimento di polizia ha creato un plug-in personalizzato per il suo sistema di fusione. La funzione, chiamata Patternizr, attinge a più di un decennio di dati dipartimentali per confrontare i crimini contro la proprietà che potrebbero essere correlati tra loro. Quando arriva un nuovo rapporto, tutto ciò che l'investigatore deve fare è fare clic su "Patternize" e il sistema restituirà un elenco di incidenti precedenti, valutati e classificati in base alla somiglianza.


Nuove scoperte strabilianti nella tecnologia dei sensori ottengono un sacco di stampa: un laser che può identificarti di nascosto da due campi di calcio di distanza misurando il tuo battito cardiaco. Un trucco che consente al tuo smartphone di spiare qualsiasi cosa nelle vicinanze con una connessione Bluetooth, dal tuo Fitbit al tuo frigorifero intelligente. Un sistema di visione artificiale che informa le autorità se ti ritrovi improvvisamente in una corsa in vista di una telecamera a circuito chiuso. Ma è un errore concentrare la nostra paura su ciascuno di questi strumenti individualmente. In molti posti in tutto il mondo, sono tutti input per un sistema che, con ogni nuovo plug-in, si avvicina un po 'di più all'onniscienza.

[...]

La fusione automatizzata [dei dati] ora è al centro del modo in cui il Pentagono intende intraprendere qualsiasi guerra futura. "È un po 'penetrato nella nostra psiche", mi ha detto Michael Kanaan, un ufficiale dell'intelligence che gestisce un acceleratore congiunto di Air Force e MIT AI. Ha dato credito agli "sforzi pionieristici" di Insight, tra le altre cose, per aver ispirato un programma di fusione automatizzato che ha supervisionato presso l'Ufficio del Direttore dell'intelligence nazionale. Sviluppato per la campagna contro l'ISIS, quel sistema ha condensato 24 database in tre e ha compresso una lista di controllo investigativa di 170 passaggi per ogni suggerimento ricevuto dagli analisti in un semplice click-through di cinque minuti. Kanaan ha detto che invece di affrettarsi a rispondere alle nuove minacce man mano che emergono - portando il convoglio a fermarsi a 500 piedi dallo IED - il suo team è stato in grado di "ricostruire il puzzle" giorni o settimane in anticipo.


Alla fine, il Dipartimento della Difesa spera di collegare ogni aereo, satellite, nave, carro armato e soldato in un enorme Internet of Wartime Things per lo più automatizzato. I sensori e le armi connessi al cloud saranno correlati tra loro mentre i comandanti dirigono l'azione su una scacchiera digitale ricca e continuamente aggiornata che i leader senior sperano assomigli a Waze. Come parte dello sforzo, l'Aeronautica Militare e l'Esercito hanno stanziato miliardi di dollari per reti di fusione da dozzine di società di difesa e tecnologia, tra cui Amazon, BAE e Anduril.


I primi risultati di questi nuovi sforzi sono stati sorprendenti. In un'esercitazione alla fine del 2019, un sistema di fusione del Pentagono ha trovato e identificato una nave nemica collegando l'intelligence di diversi aeroplani e un satellite. Quindi passava le informazioni al ponte di un vicino cacciatorpediniere, dove tutto ciò che l'ufficiale in comando doveva fare era decidere se lanciare un attacco. Un esperimento dell'esercito più recente ha condensato quello che era tradizionalmente un processo manuale di 20 minuti per prendere decisioni mirate in un ciclo ampiamente automatizzato che richiedeva solo 20 secondi.


Dieci anni dopo la telefonata che ha messo in moto Insight, sviluppi come questi suscitano un senso di convalida tra i suoi creatori. Ma il loro orgoglio si tinge di qualcosa di un po 'più oscuro. "La visione funziona", mi ha detto Kaufman al telefono. "Che tu voglia o meno che funzioni in una situazione civile" - fece una pausa - "una domanda discutibile". Cutler era più fermo. "Non intraprenderei qualcosa come Insight in un contesto civile", ha detto.


Ma la scomoda verità è che le incarnazioni più distopiche di fusion sono già disponibili nel mondo. Dahlia Peterson, analista ricercatore presso il Center for Security and Emerging Technology di Georgetown, mi ha detto che le architetture di fusione sono centrali nella campagna del governo cinese contro i dissidenti e le minoranze cittadine, in particolare il gruppo musulmano uigura. Uno di questi sistemi, la piattaforma integrata delle operazioni congiunte, fonde insieme le scansioni di riconoscimento facciale delle telecamere CCTV; casellario finanziario, medico e penale; identificatori hardware da smartphone e computer; persino questionari obbligatori che chiedono ai residenti, tra le altre cose, quante volte pregano ogni giorno. Secondo la segnalazione da The New York Times, un centro di cloud computing nello Xinjiang, alimentato in parte da chip di Nvidia, può setacciare centinaia di milioni di foto e report dai numerosi checkpoint della zona applicando contemporaneamente analisi in tempo reale a un massimo di 1.000 telecamere CCTV. Le autorità utilizzano le storie di vita generate da questi sistemi per determinare chi è "affidabile". Chi non lo è spesso rischia di essere mandato in prigione o in un campo di rieducazione.


Nella vita moderna, raramente non siamo nel mirino di qualche dispositivo di spionaggio o altro. Ci precipitiamo da un lettore di targhe mentre andiamo al lavoro, a pochi isolati da un furto con scasso che viene modellato. Mentre camminiamo dal parcheggio alla palestra o alla moschea, veniamo sorpresi da una dozzina di telecamere a circuito chiuso. Assistiamo a una protesta sotto l'occhio vigile di un drone. I nostri smartphone registrano ogni nostra mossa, ogni nostro clic e ogni nostro simile. Ma nessuna di queste macchine, se usata isolatamente, è onnisciente. Il fatto che l'intelligenza possa essere difficile e noiosa da correlare è stato forse l'ultimo baluardo naturale che ci separava dalla sorveglianza totale. La poca privacy che abbiamo lasciato esiste negli spazi tra ogni punto dati.


La tecnologia di fusione eviscera quegli spazi. Con il clic di un pulsante “INDAGINA”, le nostre impronte digitali, una volta sparse, diventano un'unica storia di vita ininterrotta, lasciando non solo i nostri nemici, ma anche i nostri amici e i nostri amanti, senza alcun posto dove nascondersi.


Telecamere di sicurezza, lettori di targhe, tracker per smartphone e droni. Siamo osservati 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Cosa succede quando tutti questi flussi di dati si fondono in uno solo? Insomma ci sono sensori spia dappertutto e ora, con Palantir, condividono un cervello.



Le domande sono molteplici e inquietanti ma ora ci sono nuovi fronti da tenere d'occhio.


La conquista della Terra di Mezzo ovvero Palantir sbarca in Europa


Partiamo da un paio di comunicati stampa. Il primo, datato 11 febbraio 2021, della Switzerland Global Enterprise (S-GE), l'organizzazione svizzera ufficiale per la promozione delle esportazioni e degli investimenti in Svizzera, presente in 31 paesi:


Il gigante del software statunitense Palantir Technologies creerà un hub europeo nel cantone di Svitto. Nella prima fase verranno reclutati fino a 40 ingegneri del software. Palantir spera di beneficiare del pool di esperti altamente qualificati nella regione. Palantir Technologies ha in programma di creare un nuovo hub europeo ad Altendorf, come riportato in un articolo sul quotidiano Handelszeitung. La società di software statunitense intende creare "posti di lavoro qualificati", come ha dichiarato al giornale Urs Durrer, responsabile dell'economia del cantone di Svitto. Nello specifico, il primo passo è il reclutamento di un numero compreso tra 20 e 40 nuovi ingegneri del software. [...] Secondo quanto riferito, Palantir vuole beneficiare della forza economica e del pool di esperti tecnologici altamente qualificati offerti dal cantone di Svitto. Come sottolinea Urs Durrer, anche la vicinanza alla regione di Zurigo e all'aeroporto di Zurigo fanno parte del sorteggio. Inoltre, negli ultimi anni si sono sviluppati rispettivamente cluster per tecnologia sanitaria, fintech e intelligenza artificiale nelle regioni di Pfäffikon, Altendorf e Lachen. Oltre a Palantir, aziende come BASF, Estée Lauder e IKEA si sono stabilite nella regione.



Il secondo da IBM Italia, anch'esso datato 11 febbraio 2021:


Ogni anno tutte le aziende hanno la necessità di prendere migliaia di decisioni operative critiche per lo sviluppo del loro business. Con la trasformazione digitale questo processo decisionale sta diventando più distribuito e complesso, con implicazioni di costo spesso molto elevate.

Queste decisioni operative guidate dai dati sono preziose per il successo in un ambiente competitivo e in rapido cambiamento. Ma nonostante le imprese siano ricche di dati, la loro capacità di saperli sfruttare può essere ostacolata da nuove complessità e da una sempre più evidente carenza di competenze.

Palantir e IBM hanno deciso di collaborare per supportare le organizzazioni ad affrontare queste sfide. Da questa collaborazione è nata una soluzione, che è stata progettata per permettere alle imprese di utilizzare l’AI nel loro processo decisionale. Insieme, IBM e Palantir forniranno ai propri clienti anche l'accesso a un grande team con una vasta esperienza nella data science che potrà guidarli nel sostenere l'impatto dell’AI sul loro business.

La soluzione, Palantir per IBM Cloud Pak for Data aiuterà le aziende a integrare i dati da diverse fonti nelle applicazioni Palantir, così come ad utilizzare i modelli Watson sviluppati su Cloud Pak for Data per migliorare la previsionalità con equità e precisione, in modo che le imprese possano utilizzare l'AI con maggiore fiducia. È progettata per fornire un ambiente "no-code/low-code" facile da usare per costruire applicazioni e automatizzare compiti e processi. Basata su Red Hat OpenShift, ha lo scopo di aiutare le aziende a ridurre i silos, integrare le fonti attraverso ambienti cloud ibridi e governare i dati durante tutto il ciclo di vita delle applicazioni di AI, accelerando la trasformazione digitale.

L'offerta è dedicata a quelle imprese che operano in settori che gestiscono grandi quantità di dati, in cui le applicazioni basate sull’AI possono guidare decisioni più informate e automatizzare i risultati, mappando automaticamente i dati al contesto industriale. Retailer, istituzioni finanziarie, azienda sanitarie, telecomunicazioni e siti produttivi potranno, ad esempio, creare un'unica visione del cliente per migliorare il servizio o potenziare la gestione delle frodi e dei rischi, abilitare la manutenzione proattiva per ridurre al minimo i tempi di inattività, migliorare l'efficienza della produzione, ottimizzare le campagne per fidelizzare i clienti o migliorare la resilienza della supply chain.

IBM ha di fatto annunciato una partnership globale rendendo Palantir un servizio disponibile e connesso a tutti i suoi data center: Palantir for IBM Cloud Pak for Data.



Al di là di questi comunicati stampa è un articolo del Guardian ad aiutarci a unire i puntini disseminati da piccoli comunicati online:


Il Covid ha offerto alla segreta società tecnologica statunitense di Peter Thiel nuove opportunità di operare in Europa in modi che alcuni attivisti trovano preoccupanti.

Il 24 marzo 2020 sarà ricordato da alcuni per la notizia che il principe Carlo è risultato positivo al Covid e si stava isolando in Scozia. Ad Atene è stato memorabile il giorno in cui il traffico è diventato silenzioso. Ventiquattr'ore dopo un duro blocco, i greci si stavano acclimatando a una nuova realtà in cui dovevano inviare un SMS al governo per lasciare la casa. Oltre a milioni di messaggi di testo, il governo greco ha dovuto affrontare dilemmi straordinari. L'economia più vulnerabile dell'Unione europea, la sua popolazione più anziana insieme all'Italia e uno dei suoi sistemi sanitari più deboli hanno affrontato la prima ondata di una pandemia che ha travolto i paesi più ricchi con meno pensionati e una fornitura sanitaria più forte. La carneficina in Italia incombeva sull'Adriatico.


Un greco che è entrato in ufficio quel giorno era Kyriakos Pierrakakis, il ministro per la trasformazione digitale, la cui firma era in blu su un accordo con la società tecnologica statunitense, Palantir. L'accordo, che non sarebbe stato rivelato al pubblico per altri nove mesi, ha consentito a una delle aziende tecnologiche più controverse al mondo di accedere a grandi quantità di dati personali, offrendo al contempo il proprio software per aiutare la Grecia a superare la tempesta Covid. L'accordo a costo zero non è stato registrato nel sistema degli appalti pubblici, né il governo greco ha effettuato una valutazione dell'impatto dei dati - il controllo obbligatorio per vedere se un accordo potrebbe violare le leggi sulla privacy.

[...]

La Grecia non è stato l'unico paese tentato da una prova gratuita correlata a Covid. Palantir era già incorporato nel NHS, dove un contratto senza offerta del valore di £ 1 è stato rivelato solo dopo che gli attivisti per la privacy dei dati hanno minacciato di portare il governo del Regno Unito in tribunale. Al termine del periodo di prova, il costo per continuare con Palantir ammontava a 24 milioni di sterline .


La società è stata anche incaricata come parte della risposta Covid dei Paesi Bassi e ha lanciato almeno altri quattro paesi europei, oltre a un gruppo di agenzie dell'UE. Il one-pager Palantir che il ministero della salute tedesco ha rilasciato dopo una richiesta di libertà di informazione ha descritto l'Europa come il "centro delle attività" dell'azienda.

[...]

Il 23 marzo, il Center for Disease Control (ECDC) dell'UE ha ricevuto un'e-mail dalle controparti del CDC degli Stati Uniti, esaltando il loro lavoro con Palantir e dicendo che l'azienda aveva chiesto una presentazione.


Palantir ha affermato che era prassi normale che alcuni dei suoi "clienti governativi servissero come riferimento per altri potenziali clienti". Ha detto che l'ECDC ha rifiutato il suo invito "per la preoccupazione che il contatto possa essere percepito come un pregiudizio all'indipendenza dell'ECDC".

[...]

Il governo greco ha rifiutato di dire come è stato introdotto a Palantir. Ma c'erano legami di alto livello tra Palantir, l'amministrazione Trump e il governo greco. L'ambasciatore degli Stati Uniti in Grecia, Geoffrey Pyatt, ha parlato pubblicamente dei contatti tra Pierrakakis e Michael Kratsios , un greco-americano e capo consigliere tecnologico dell'allora presidente, Donald Trump. Kratsios è entrato a far parte della Casa Bianca da un ruolo di capo del personale a Peter Thiel , il miliardario investitore tecnologico della Silicon Valley e fondatore di Palantir.

[...]

Sophie in 't Veld, un'europarlamentare olandese, ha seguito le attività di lobbying di Palantir nei centri di potere europei. Rileva l'insolita "vicinanza al potere" della compagnia e si domanda come sia stato che una delegazione dell'UE a Washington nel 2019 ha incontrato funzionari del governo degli Stati Uniti e solo una società privata, Palantir. Cosa si è discusso, voleva sapere, quando Karp ha incontrato il presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen o quando Palantir ha incontrato l'allora commissario alla concorrenza dell'UE, Margrethe Vestager, che ora è incaricata di rendere l'UE adatta all'era digitale ?


Nel giugno 2020, In 't Veld ha inviato domande dettagliate alla commissione e ha pubblicato le sue preoccupazioni in un post sul blog dal titolo: "Palantir non è nostro amico". La commissione ha impiegato otto mesi per dare risposte anche parziali, ma la società ha inviato un'e-mail a In 't Veld tre giorni dopo che è stata resa pubblica con le sue domande, offrendo un incontro. Ha parlato con loro ma si domanda perché l'azienda abbia sentito il bisogno di contattare "un odioso deputato europeo" per rassicurarla.

[...]

Il Covid è stata l'occasione per una nuova spinta imprenditoriale ma Palantir non è arrivato in Europa con la pandemia. Ha anche trovato opportunità nella paura europea del terrorismo e nel suo senso di inferiorità tecnologica nei confronti della Silicon Valley.


Quando i problemi di salute guidano gli affari, il prodotto software che Palantir vende è Foundry; quando le paure del terrorismo aprono i bilanci, è Gotham.


Foundry è costruita per soddisfare le esigenze dei clienti commerciali. Uno dei suoi campioni in Europa è Airbus, che afferma che il sistema ha contribuito a identificare l'efficienza della catena di approvvigionamento. Foundry ha più recentemente trovato la sua strada nei governi e l'amministratore delegato di Palantir, Karp, ha definito Foundry un " sistema operativo per i governi ".


Gotham è stato a lungo utilizzato dai servizi di intelligence nel Regno Unito, Paesi Bassi, Danimarca e Francia ed è stato costruito per analisi investigative. Alcuni ingegneri di Palantir chiamano ciò che fa analisi " ago nel pagliaio " che le agenzie possono utilizzare per cercare cattivi attori che si nascondono in reti complesse.


Dal 2013 Palantir ha intrapreso una spinta costante per integrarsi tramite Gotham nei sistemi di polizia europei.

[...]

La dipendenza dell'Europa dalla tecnologia statunitense non è motivo di preoccupazione solo per i difensori dei diritti umani e gli studiosi della privacy. Alcune delle più grandi aziende in Germania e Francia sono state in trattative per la creazione di qualcosa di simile a un rifugio sicuro per i propri dati commercialmente sensibili. Queste discussioni hanno rivelato che le case automobilistiche tedesche erano nervose quanto qualsiasi attivista per la privacy riguardo al rilascio dei propri dati ai servizi cloud statunitensi, come Amazon Web Services.


Marietje Schaake, direttrice del Cyber ​​Policy Center di Stanford, ha avvertito che il "complesso di inferiorità tecnologica" dell'Europa stava portando a decisioni sbagliate: "Stiamo costruendo una software house di carte che viene venduta come servizio al pubblico ma può essere una responsabilità per società. C'è un'asimmetria di conoscenza, potere e responsabilità, una questione di ciò che siamo in grado di sapere nell'interesse pubblico. Il potere privato sui processi pubblici sta crescendo in modo esponenziale con l'accesso a dati e talenti ".


Palantir afferma che "opera con successo all'interno e promuove gli obiettivi del GDPR e dei suoi principi di base". Insiste nel dire che non è una società di dati, ma piuttosto una società di software che fornisce piattaforme di gestione dei dati. Per un decennio, afferma, ha lavorato in Europa con organizzazioni commerciali e governative, "aiutandole a soddisfare con successo i requisiti di protezione dei dati su larga scala come richiesto a livello europeo e nazionale".


L'ultima offerta europea per una maggiore sovranità digitale è GAIA-X, erroneamente guardata in alcuni trimestri come un progetto per realizzare un Euro-cloud. È, infatti, un'associazione che cercherà di stabilire le regole con cui le aziende con sede in Europa fanno affari con i servizi di cloud computing. Proprio come GDPR significa che i dati personali degli europei devono essere trattati in modo diverso su Facebook rispetto a quelli degli utenti al di fuori dell'UE, GAIA-X significherebbe che i dati commerciali sono più strettamente controllati sul cloud. Nonostante la sua relativa oscurità, GAIA-X potrebbe continuare ad avere profonde implicazioni per il modello di business delle società tecnologiche statunitensi, o hyperscaler.


È stata quindi una sorpresa quando Palantir si è proclamata, tra le altre società, un "partner day 1" di GAIA-X tre mesi prima che fosse presa qualsiasi decisione. I funzionari dell'associazione si sono lamentati di "partner delinquenti" che avevano saltato la pistola per motivi di vantaggio commerciale. Alla fine, Palantir è stato autorizzato a partecipare.

Palantir afferma di non aver fatto nulla che altre società coinvolte con GAIA-X non abbiano fatto.


Il presidente di GAIA-X, Hubert Tardieu, ex dirigente della società tecnologica francese ATOS, ha osservato che l'associazione non voleva rimanere impantanata in cause legali da parte di "società in California che sanno molto di diritto antitrust".


Capire il business per vedere il disegno


Prima di concludere questa analisi di uno "sbarco" in stile Normandia di Palantir cerchiamo di focalizzare meglio il tipo di business su cui si muove Palantir. Questo ci permetterà di far emergere quella che gli americani definiscono The Big Picture.



Ci aiuta in questo un analista finanziario Vincent Ventures in un suo lungo post:


Il dominio di Wintel ha standardizzato l'industria dei computer e ha posto le basi per l'emergere di potenti piattaforme Internet come Google, Amazon e Facebook. Il potere di queste aziende di sfruttare l'ecosistema costruito da Microsoft, Apple e l'industria delle telecomunicazioni le ha spinte a una crescita diversa da qualsiasi altra cosa nella storia. Con un valore di mercato combinato di 7,5 trilioni di dollari, possiamo vedere che la bolla delle dotcom era solo una breve febbre speculativa in vista della costante crescita delle società che ora dominano la nostra vita quotidiana.


Quando la rivoluzione digitale ha raggiunto il suo punto di svolta, i dati sono diventati il ​​nuovo petrolio. Questi dati alimentano la società moderna, una quantificazione del mondo reale che esiste come informazione digitale all'interno di computer e reti. Viene utilizzato per creare intelligenza artificiale. Ciò che vediamo come foto, post o documenti digitali sono raccolte complesse di numeri che possono essere analizzati matematicamente. Per le aziende i cui modelli di business si basano sulla raffinazione e sulla vendita dei dati dei consumatori, l'estrazione irresponsabile di questi dati ha portato a una pericolosa erosione della privacy che è l'equivalente di questa nuova era di una crisi ecologica.

[...]

La prossima fase di crescita verrà dalle innovazioni focalizzate sull'industria e sulle imprese. Questa opportunità, spesso definita "Internet di tutto", è molto più ampia del pool di dati dei consumatori. Come saranno organizzate le informazioni mondiali e chi avrà accesso ad esse? Le piattaforme per i dati saranno centralizzate su iperscalabilità o decentralizzate in un cloud ibrido? Il " capitalismo della sorveglianza " genererà una nuova economia della privacy? Tali protocolli saranno universali o discreti? Chi controllerà queste piattaforme e come?


Le tensioni di lunga data su dati e privacy si sono trasformate in una "guerra aziendale", dividendo le aziende in fazioni ideologiche che riflettono i loro modelli di business. Apple sta rapidamente implementando nuove funzionalità per la privacy mentre Google consolida la sua portata. Palantir offre una piattaforma che mette il potere dell'analisi dei dati nelle mani di aziende e organizzazioni governative, effettivamente la società in generale, mettendo in discussione il futuro dei pochi nella Silicon Valley che lo detengono oggi. La partnership di Palantir con IBM e l' integrazione con AWS sono forti indicazioni che si sta formando una potente coalizione. Questa coalizione sfiderà le ambizioni di Google e Facebook, che hanno costruito capacità di sorveglianza che nemmeno al governo degli Stati Uniti è permesso avere.

[...]

Per capire dove stanno andando le cose, dobbiamo prima avere una profonda comprensione di quanto lontano siano andate le cose. Perché Palantir, Apple, Microsoft e altri sono diventati così apertamente critici nei confronti di Google e Facebook?

[...]

Google è stata fondata per raccogliere quanti più dati e informazioni possibili e per utilizzare tali dati per costruire l'intelligenza artificiale. Oggi, quasi tutto ciò che facciamo lascia un'impronta digitale tracciabile. Al volgere del millennio, grandi quantità di informazioni non erano ancora state digitalizzate, per non parlare centralizzate in centri di cloud computing iperscalabili.



Il motore di ricerca utilizzato per sfogliare queste informazioni era semplicemente un sottoprodotto di questo sforzo. Il co-fondatore di Google Larry Page sorrise ammettendo questo nel 2002 : "L'intelligenza artificiale sarebbe la versione definitiva di Google, quindi se avessimo il motore di ricerca definitivo capirebbe tutto sul Web ... ... abbiamo abbastanza spazio per archiviare circa 100 copie dell'intero Web. " Per creare tale intelligenza, i co-fondatori di Google hanno pianificato di utilizzare l'immensa potenza di calcolo per addestrare algoritmi sui dati mondiali, ciò che oggi potremmo pensare come applicazioni cloud HPC. Questo è valso al motore di ricerca di Google il soprannome di "Cervello di Dio" .

[...]

Con la crescita di Internet, la capacità di Google di raccogliere enormi quantità di dati sui consumatori, analizzare le loro abitudini, quindi indirizzarli tramite annunci pubblicitari, ha reso l'azienda incredibilmente redditizia e politicamente potente. L'allora CEO di Google Eric Schmidt si è profondamente radicato nella politica statunitense , trascorrendo la giornata delle elezioni del 2008 all'interno della " stanza della guerra " della campagna di Obama . Nel 2010, Schmidt è coautore di un documento per il Council on Foreign Relations su “connettività e diffusione del potere ”. I concetti di questo articolo sono stati ampliati in un libro intitolato The New Digital Age , che ha ricevuto l'approvazione di Henry Kissinger, del generale Michael Hayden, Tony Blair, Mohamed El-Erian ed Elon Musk. Musk in seguito lo dedusse Google è l'unica azienda di cui ha paura.


Questo libro potrebbe essere pensato come la dichiarazione di politica estera di Google, dato che discute la creazione di una "statualità virtuale". Sostiene la centralizzazione della propria vita in un "sistema di gestione delle informazioni e processo decisionale", presumibilmente Google, e suggerisce che alcuni governi applicheranno politiche sull'identità di Internet simili alla politica sul nome reale di Google+ .


La sezione successiva del libro suggerisce "strategie di coping" tra cui "sigillare i documenti minorili virtuali". Perché non eliminarli?


La cosa più scioccante è ciò che è seguito dopo la pubblicazione del libro. Il coautore sia del documento che del libro CFR è stato Jared Cohen, capo di una divisione Google / Alphabet che ora è conosciuta come Jigsaw. Cohen è una figura altamente politica, avendo lavorato a stretto contatto con Hillary Clinton . Jigsaw potrebbe essere considerato come l'operazione paramilitare di Google, poiché Wikileaks ha rivelato di essere intervenuto unilateralmente nella guerra civile siriana, collaborando con Al-Jazeera per la campagna psicologica.

Il coinvolgimento diretto di Google nel conflitto militare solleva il sospetto che intendesse utilizzare le zone di guerra in Medio Oriente come terreno di prova per il tipo di idee descritte in The New Digital Age , poiché il libro contiene anche interi capitoli su entrambi "il futuro della rivoluzione" e "il futuro della ricostruzione". Secondo la CNBC , Schmidt e Cohen hanno fatto "visite segrete" in Iraq . Oggi, Jigsaw si concentra sul contrasto alla supremazia bianca e al terrorismo interno . Ciò è particolarmente allarmante con l'attuale retorica di Washington. Gli interessi di Jigsaw sono notevolmente allineati con le richieste di una nuova guerra al terrorismo interno , pochi mesi dopo la scadenza del Patriot Act.

[...]

All'inizio del millennio, Internet era altamente decentralizzato, facendo affidamento su reti di server collegati da ISP. Alla fine del decennio, gran parte dell'infrastruttura Internet si era consolidata tra le società "big tech". I loro datacenter cloud "iperscalabili" hanno fatto impallidire gli ISP. Google e Facebook sono stati in grado di sfruttare questa presa sull'infrastruttura di Internet per creare imprese di sorveglianza di massa che hanno messo i poteri orwelliani di programmi come Total Information Awareness e LifeLog nelle mani di società private.


Oggi, queste enormi costellazioni di computer controllano direttamente gran parte della società, ma ci sono sfumature importanti. Per aziende come Apple, Amazon e Microsoft, "l'utente" è il cliente. I clienti acquistano hardware da Apple. Comprano software da Microsoft. Amazon fornisce servizi; è una piattaforma per il commercio digitale. Per Facebook e Google il rapporto è invertito; l'utente è il prodotto. Ricevono l'accesso a software e servizi gratuiti, in cambio del permesso a queste aziende di creare profili psicografici altamente dettagliati per scopi pubblicitari e la raccolta di dati in blocco ai fini dello sviluppo dell'IA. Google ha iniziato a eseguire la scansione di Facebook già nel 2007.


Le cose hanno iniziato ad accelerare nel 2012. L'anno è iniziato con Google che ha apportato modifiche significative alla politica sulla privacy che hanno permesso loro di " nascondere esattamente ciò che stanno raccogliendo e da quale servizio ". Un mese dopo, il Wall Street Journal ha riferito che Google stava aggirando le protezioni della privacy di Apple, rintracciando illecitamente gli utenti di iPhone e Macintosh.

[...]

Nello stesso momento in cui Apple stava combattendo con l'FBI per la mancanza di una backdoor nell'iPhone, Google ha abbandonato una delle ultime protezioni per la privacy, rimuovendo ufficialmente una politica che manteneva la cronologia web identificabile personalmente separata dagli altri dati. Un anno dopo, è stato scoperto che Google poteva tracciare i telefoni cellulari anche quando i servizi di localizzazione sono disattivati . Uno studio di un professore della Vanderbilt ha rilevato che i telefoni di Google trasmettono molti più dati ai server di Google, e molto più frequentemente, rispetto all'iPhone di Apple. Il telefono Android di Google ha richiesto di comunicare con i server di Google ogni 1,5 minuti.

[...]

L'escalation è continuata. Google ha iniziato a utilizzare Chrome per eseguire la scansione dei file sui computer degli utenti . Google ha concluso un " accordo segreto " con Mastercard per acquistare i dati della carta di credito (che potrebbero essere combinati con i dati sulla posizione). Ricevute monitorate da Google ricevute tramite Gmail . Google ha acquistato Fitbit e ha avuto accesso alle cartelle cliniche con un programma segreto denominato "Nightingale" . Un microfono segreto è stato trovato all'interno dei termostati Nest, di proprietà di Google.


Google ha persino iniziato a utilizzare i beacon Bluetooth homing posizionati nei negozi. Se tutti questi dati non fossero sufficienti, Google ha offerto agli utenti $ 20 al mese per monitorarli con una precisione ancora più granulare . I modelli predittivi costruiti da tali dati potrebbero essere facilmente applicati in seguito a individui che non hanno partecipato, identificando somiglianze statistiche nei dati raccolti. Anche Pokémon GO è stato concepito all'interno di Google come un "gioco di ombre", progettato per radunare gli utenti verso le imprese utilizzando "moduli di richiamo" .


Non è difficile capire come Google sia diventato così potente. Tutti questi dati intimi sono stati scambiati in cambio di un browser web, una mappa, un client di posta elettronica, alcune app per ufficio, un sito di condivisione video e un motore di ricerca. Almeno la NSA offre difesa nazionale, ha la supervisione del governo ed è soggetta al Foreign Intelligence Surveillance Act del 1978.


Google ha effettivamente creato una versione privatizzata di TIA e ha rifiutato di concedere l'accesso al governo. Ciò è particolarmente preoccupante se si considera che Google ha recentemente ospitato un Obama Foundation Fellow che ha sostenuto che il governo degli Stati Uniti è controllato da un gruppo di uomini anziani d'élite , che stanno collaborando per progettare un sistema che consente loro di governare la società. Inoltre, metteremo in atto un nuovo sistema democratico che abbia un design "collaborativo" e "liquido", che le persone "scelgono effettivamente".


Per la prima volta nella storia, una società che controllava gran parte delle infrastrutture di telecomunicazioni statunitensi si rifiutava di collaborare con il monitoraggio governativo di tali canali. Questo è stato un precedente che risale alla cooperazione della Western Union con la " Camera Nera ", che ha consentito ai funzionari dell'intelligence di accedere ai cavi telegrafici. Sebbene Microsoft sostenesse la NSA, fornendo l'accesso alla pre-crittografia, gli ingegneri di Google erano furiosi nell'apprendere che la NSA aveva violato l'infrastruttura Internet di Google.


Google non solo ha rifiutato di concedere l'accesso alla NSA, ma un gruppo di ingegneri senior noti come il " Gruppo dei Nove " si è persino rifiutato di adattare l'infrastruttura cloud di Google per l'uso di base da parte del DoD. Questi fatti sono in netto contrasto con il coinvolgimento di Google nella politica statunitense e la sua influenza sul governo degli Stati Uniti.


Dopo aver aiutato la campagna di Obama a creare un " modello complesso di elettorato " durante le elezioni del 2012, Eric Schmidt di Google ha continuato a finanziare non meno di tre startup volte a utilizzare i dati dei consumatori e degli elettori per influenzare le elezioni, tutte gestite dall'ex Obama membri dello staff. Ciò includeva Groundwork, che è stato descritto come " Salesforce.com per la politica ". L'unico cliente "politico" di Groundwork era la campagna di Clinton e la società includeva ex dipendenti di Google. Clinton ha partecipato a un evento ospitato da Google pochi giorni dopo la costituzione di Groundwork.

[...]

Palantir: potere o scopo?

Se riconosciamo che aziende come Apple e Amazon sono le blue chip di questa nuova era, allora deve anche essere vero che l'Internet dei consumatori sta maturando. In quasi tutte le principali categorie, queste aziende vanno in punta di piedi. YouTube / Prime / Apple TV… WhatsApp / iMessage… Apple / Android… ChromeBook / iMac… AWS / Azure / Google Cloud… Gmail / Outlook… iWork / Google Docs / Office365… Tesla / Waymo… e soprattutto, OpenAI / DeepMind…



Le maggiori opportunità di crescita si trovano nell'Internet industriale. Il 5G, una nuova generazione di tecnologia di telecomunicazioni wireless, genererà quantità significative di dati IoT. Ciò sarà incrementato da una serie di scoperte nell'architettura dei semiconduttori, che abiliteranno chip molto più efficienti nelle attività di intelligenza artificiale. Insieme, questi apriranno molte nuove applicazioni industriali, aziendali e aziendali.


Pensa alla piattaforma di Palantir come una sorta di XKeyscore per le aziende. Per sfruttare appieno queste tecnologie, sarà necessaria una piattaforma che coordini la collaborazione dei dati all'interno di un'azienda e tra aziende indipendenti. I dati possono essere condivisi e sfruttati in modo da creare nuovi livelli di efficienza. Pensa ai rivenditori che condividono i dati con i partner logistici in modo da ridurre lo spazio inutilizzato sui carichi di merci o a un fornitore che condivide i dati con un produttore a valle per ottimizzare i programmi di produzione. Altri dati non dovrebbero essere condivisi e forse strettamente controllati.


I dati si sposteranno gradualmente al centro del modo in cui vengono gestite le aziende. Questo è ciò che intende il CEO di Palantir Alex Karp quando afferma che i clienti aziendali di Palantir sono " le 125 istituzioni più interessanti del mondo ". Ogni nuovo cliente sta piantando un seme che può crescere nella struttura di un intero settore.

[...]

Questo non vuol dire che Palantir non incorpori e non incorporerà l'IA. All'orizzonte ci sono potenti strumenti di intelligenza artificiale "generici", come GPT3 di OpenAI , che possono (e probabilmente saranno) incorporati in piattaforme come Palantir in modi potenti. OpenAI è stato lanciato con l'assistenza di Elon Musk e del presidente di Palantir, Peter Thiel. Microsoft è uno dei partner chiave di OpenAI . Una partnership recentemente annunciata con IBM integrerà IBM Watson in Palantir.


Palantir consente ai clienti di sfruttare la potenza dei dati e dell'analisi e lo fa dando loro il controllo su come i dati vengono gestiti, fornendo al contempo protocolli per garantire che i dati siano gestiti in modo etico. Ciò significa restituire la sovranità e il controllo alle parti coinvolte: “ queste organizzazioni definiscono cosa si può e cosa non si può fare con i propri dati ”.


Ciò è particolarmente importante quando i dati devono essere condivisi per sfruttarne appieno il potenziale. Uno dei maggiori vantaggi di Palantir è che non ha cercato di conquistare il mondo. Mentre Google ha dovuto affrontare ripetute multe e critiche in Europa, Palantir ha aderito al progetto GAIA-X dell'UE come " membro del primo giorno ". GAIA-X è descritto come "un ecosistema digitale aperto e trasparente, in cui dati e servizi possono essere resi disponibili, raccolti e condivisi in un ambiente di fiducia".


In altre parole, l'Europa sta costruendo una versione aperta e pubblica di Google e Palantir sta fornendo un'infrastruttura software che lo renderà possibile: adempiere alla missione di Google di organizzare le informazioni mondiali senza metterle nelle mani dei dirigenti di Google. Una versione decentralizzata di Total Information Awareness. Microsoft ha anche affermato di essere interessata a partecipare .


Si dice che Palantir sceglierà una località fuori Zurigo, in Svizzera, come quartier generale europeo.

[...]

Conclusione: rischi e valutazione

I maggiori rischi di Palantir sono un elenco di nemici potente e politicamente connesso che include Google e George Soros. Alcuni di questi nemici hanno grandi ragioni per assicurarsi che qualsiasi associazione con Palantir sia controversa; mettere il potere di dati e analisi nelle mani di un gruppo eterogeneo di organizzazioni è una minaccia per lo status quo altamente centralizzato. Il successo di Palantir dipenderà dalla capacità di Alex Karp di orientarsi tra le critiche. Fortunatamente per gli investitori di Palantir, la società sembra guadagnare trazione e slancio, sulla base di un flusso costante di nuove partnership e annunci dei clienti.


Questa mappatura delle persone e il valore che questi dati assumono sono al centro anche dell'analisi di diversi studiosi.

Questioni di filosofia...


Ne Il capitalismo della sorveglianza Shoashanna Zuboff propone un nome da dare a questa cornice. Iniziare a chiamare le cose, soprattutto quelle nuove che non si conoscono ancora, è il primo passo per iniziare a comprenderle e superarle. Di fatto, quello che viene teorizzato è proprio l’ingresso dentro una “nuova era”. Un’era in cui la logica di accumulazione e sfruttamento del capitalismo tradizionale si è in qualche modo spostata verso la sfera immateriale e comportamentale. Per la Zuboff questa logica — che non va intesa come una conseguenza della tecnologia, ma dell’uso che della tecnologia ne fanno determinati attori come Google (indiziato principale) e Facebook — parte dai dati, li offusca, li rende in qualche modo proprietà non di chi li emette ma di chi li sfrutta, e costruisce un nuovo castello di stimoli e tentazioni che non vogliono solo trasformarti in un prodotto (andando quindi oltre il vecchio adagio per cui “se una cosa è gratis vuol dire che il prodotto sei tu”), non vogliono solo costringerci a un consumo senza confini, ma portarci proprio a una modifica predittiva del comportamento e a una graduale erosione del libero arbitrio. In questo contesto, in gioco non c’è solo una questione — sacrosanta — di privacy e di contrasto ai monopoli, ma tutta l’architettura democratica e personale. Del resto, vediamo tutti i giorni nella nostra esperienza come le dinamiche che sottendono a questa cornice stiano via via modificando usi, costumi, abitudini e modi di stare insieme.


Byung Chul Han in Psicopolitica ci ricorda che: “Il potere furbo, dall’aspetto liberale, benevolo, che invoglia e seduce, è più efficace di quel potere che ordina, minaccia e prescrive. L’opzione-like è il suo segno: mentre si consuma e si comunica, ci si sottomette al rapporto di dominio. Il neoliberismo è il capitalismo del mi-piace”. Un’infinita possibilità di connessione e di informazione ci rende veramente soggetti liberi? Partendo da questo interrogativo, Han tratteggia la nuova società del controllo psicopolitico, che non si impone con divieti e non ci obbliga al silenzio: ci invita invece di continuo a comunicare, a condividere, a partecipare, a esprimere opinioni e desideri, a raccontare la nostra vita. Con un volto amichevole ci seduce e ci lusinga, mappa la nostra psiche e la quantifica attraverso i big data, ci stimola all’uso di dispositivi di automonitoraggio, ottimizzando le nostre prestazioni. Nel panottico digitale del nuovo millennio – con internet, gli smartphone e i Google Glass – non si viene torturati, ma twittati o postati, il soggetto e la sua psiche diventano produttori attivi di beni immateriali, i dati personali e le emozioni sono costantemente monetizzati e commercializzati. Han pone l’attenzione sul cambio di paradigma che stiamo vivendo, mostrando come la libertà oggi vada incontro a una fatale dialettica che la porta a rovesciarsi in costrizione: per ridefinirla è necessario diventare eretici, rivolgersi alla libera scelta, alla non conformità.

La questione algoritmica si fa pressante. Palantir di fatto si candida a diventare un middle-layer o middleware infrastrutturale per l'Europa. In informatica con middleware si intende un insieme di programmi informatici che fungono da intermediari tra diverse applicazioni e componenti software. Spesso utilizzati come supporto per sistemi distribuiti complessi con architetture multitier, l'integrazione dei processi e dei servizi, residenti su sistemi con tecnologie e architetture diverse, è un'altra funzione delle applicazioni middleware. Le aziende tecnologiche non sono neutrali, nemmeno quelle apparentemente "amichevoli". Fondatori e ingegneri chiave instillano i loro prodotti con una serie di valori, etica e filosofia.


... e di politica internazionale: le relazioni USA-UE


Seguiamo il ragionamento dell'eurodeputata Sophie in 't Veld.

Dobbiamo riconoscere che il governo degli Stati Uniti si è dimostrato più bravo nell'affermare l'influenza politica che deriva dalle sue relazioni economiche con l'UE che viceversa. È bravo a navigare tra gli strati di governo sparsi che compongono l'Unione europea e non ha paura di aggirare il suo peso; soprattutto quando vuole concessioni relative alla condivisione dei dati dei privati ​​cittadini.


Il fatto triste è che troppo spesso il governo americano riesce a ottenere dall'UE ciò che vuole in questo settore. In parte a causa della pressione degli Stati Uniti, gli europei ora hanno tutti i record dei nomi dei passeggeri archiviati per l'accesso alle forze dell'ordine ei nostri passaporti portano le nostre impronte digitali che forniscono una sicurezza falsa (considerando che molti Stati membri non possono nemmeno leggere queste impronte digitali ).


Naturalmente, gli Stati Uniti e l'Europa sono stati fedeli alleati per decenni e lo rimarranno, ma è giunto il momento di essere consapevoli di ciò che è in gioco qui. L'Europa è diventata l'ultimo baluardo di molti valori liberi e democratici, compresa la privacy. Preservare quello status o persino ritagliarsi uno spazio più ampio nel mondo in cui quei valori possano prosperare, richiede un grado molto più elevato di indipendenza o sovranità. Stabilire un rapporto paritario con gli Stati Uniti è della massima importanza. La realtà è che l'Europa non è ancora in grado di trovare il suo posto sulla scena mondiale e la sua capacità di esercitare un potere regolamentare è in declino. Infine, cambiare ciò deve iniziare agendo in conformità con i nostri valori, applicando le regole del GDPR e assumendo una posizione più dura nei confronti dello stato di sorveglianza americano. Soprattutto quando si tratta di quella più sensibile delle aree:


I legami economici non sono mai nettamente separati dai legami governativi e politici e ci saranno sempre zone d'ombra. Ma quando si tratta dei diritti individuali dei cittadini dell'UE, i confini tra bianco e nero devono essere più assoluti. Dati i legami di Palantir con le agenzie di sicurezza americane, questa azienda cade esattamente fuori dalla zona grigia.

Concludendo

L'Unione europea dipende eccessivamente dalle società straniere per i servizi digitali, sia a livello di governo che a livello di consumatori. Questa dipendenza non può essere risolta dall'oggi al domani. È tuttavia giunto il momento di compiere scelte che almeno orientino l'UE verso una maggiore indipendenza strategica. Le aziende che non rientrano nella giurisdizione dell'UE non possono essere coinvolte in questioni di sicurezza interna. Ciò deve essere particolarmente vero per le aziende che hanno forti legami con i servizi di sicurezza americani, come nel caso di Palantir. Se l'UE oi suoi Stati membri si sentono dipendenti da un'azienda problematica come Palantir, allora questo è un segno rivelatore di una dipendenza dalle società tecnologiche statunitensi e dalla loro posizione sulla privacy. Diamo un calcio all'abitudine e facciamo scelte in linea con i nostri valori e le nostre ambizioni geopolitiche.

Se non vogliamo rimanere vittime di un'algocrazia a propulsione capitalistica come quella che Palantir di Thiel e soci sembra voler realizzare, abbiamo urgente bisogno di un'algoretica.

1,284 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti