• Paolo Benanti

Cyber Troops: ecco i nuovi conflitti


Il 26 settembre è stato pubblicato a firma di due ricercatori dell'Oxford Internet Institute un report il cui titolo è eloquente: “The Global Disinformation Order: 2019 Global Inventory of Organised Social Media Manipulation". Lo studio tenta uno sguardo globale sull’uso di algoritmi, automazione e big data per manipolare la sfera pubblica. Guardiamone gli elementi principali.

Il nuovo rapporto "The Global Disinformation Order: 2019 Global Inventory of Organized Social Media Manipulation", redatto dal professor Philip Howard, direttore dell'Oxford Internet Institute (OII), e Samantha Bradshaw, ricercatore dell'OII, al momento è, nel suo genere, l'unico inventario pubblicato su base regolare che esamina l'uso di algoritmi, dell'automazione e dei big data per attuare strategie volte a modellare la vita pubblica.

Il rapporto esplora gli strumenti, le capacità, le strategie e le risorse impiegate dalle "truppe cibernetiche" globali, in genere agenzie governative e partiti politici, per influenzare l'opinione pubblica in 70 paesi.

I risultati chiave che emergono dal report includono:

  • La manipolazione dei social media organizzata è più che raddoppiata dal 2017, con 70 paesi che utilizzano la propaganda computazionale per manipolare l'opinione pubblica.

  • In 45 democrazie, politici e partiti politici hanno utilizzato gli strumenti di propaganda computazionale accumulando falsi follower o diffondendo media manipolati per ottenere il sostegno degli elettori.

  • In 26 stati autoritari, gli enti governativi hanno utilizzato la propaganda computazionale come strumento di controllo delle informazioni per sopprimere l'opinione pubblica e la libertà di stampa, screditare le critiche e le voci di opposizione ed eliminare il dissenso politico.

  • Le operazioni di influenza straniera, principalmente su Facebook e Twitter, sono state attribuite alle attività delle truppe informatiche in sette paesi: Cina, India, Iran, Pakistan, Russia, Arabia Saudita e Venezuela.

  • La Cina è ora emersa come uno dei principali attori nell'ordine globale della disinformazione, utilizzando piattaforme di social media per colpire il pubblico internazionale con disinformazione.

  • 25 paesi stanno lavorando con aziende private o società di comunicazione strategica che offrono una propaganda computazionale come servizio.

  • Facebook rimane la piattaforma di scelta per la manipolazione dei social media, con prove di campagne formalmente organizzate in 56 paesi.

A margine della pubblicazione, il professor Philip Howard, direttore dell'Oxford Internet Institute, Università di Oxford, ha dichiarato:

“La manipolazione dell'opinione pubblica sui social media rimane una minaccia fondamentale per la democrazia, poiché la propaganda computazionale diventa una parte pervasiva della vita di tutti i giorni. Agenzie governative e partiti politici in tutto il mondo stanno usando i social media per diffondere disinformazione e altre forme di media manipolati. Sebbene la propaganda abbia sempre fatto parte della politica, l'ampia portata di queste campagne solleva preoccupazioni critiche per la democrazia moderna ".

Samantha Bradshaw, autore principale del rapporto e ricercatrice, ha aggiunto:

“I vantaggi offerti dalle tecnologie di social network - algoritmi, automazione e big data - cambiano notevolmente la portata, l'ambito e la precisione di come le informazioni vengono trasmesse nell'era digitale. Sebbene un tempo i social media fossero annunciati come una forza per la libertà e la democrazia, è sempre più sotto controllo per il suo ruolo nell'amplificare la disinformazione, incitare alla violenza e ridurre la fiducia nei media e nelle istituzioni democratiche ".

Il rapporto esplora gli strumenti e le tecniche della propaganda computazionale, incluso l'uso di account falsi - robot, umani, cyborg e account compromessi - per diffondere disinformazione. In sintesi dal report si rileva che:

  • l'87% dei paesi ha utilizzato conti umani

  • l'80% dei paesi utilizzava account bot

  • l'11% dei paesi ha utilizzato account cyborg

  • il 7% dei paesi ha utilizzato account compromessi o rubati

I ricercatori di Oxford esaminano anche il modo in cui le truppe cibernetiche usano strategie di comunicazione diverse per manipolare l'opinione pubblica, come la creazione di disinformazione, contenuti o resoconti di massa e l'uso di strategie offensive come trolling, doxing o molestie. Il rapporto rileva che:

  • 52 paesi hanno utilizzato disinformazione e manipolazione dei media per indurre in errore gli utenti

  • 47 paesi hanno utilizzato troll sponsorizzati dallo stato per attaccare oppositori o attivisti politici nel 2019, rispetto a 27 paesi nel 2018

Sempre a margine della pubblicazione il professor Howard ha dichiarato:

“Una democrazia forte richiede l'accesso a informazioni di alta qualità e la capacità dei cittadini di riunirsi per discutere, discutere, deliberare, entrare in empatia e fare concessioni. Sebbene ci sia un numero crescente di attori governativi che si rivolgono ai social media per influenzare gli atteggiamenti pubblici e interrompere le elezioni, restiamo ottimisti sul fatto che i social media possano essere una forza per il bene creando uno spazio per la deliberazione pubblica e la democrazia per prosperare ”.

Il rapporto del 2019 si basa su una metodologia in quattro fasi utilizzata dai ricercatori di Oxford per identificare prove di campagne di manipolazione organizzate a livello globale. Ciò include un'analisi sistematica del contenuto di articoli di notizie sull'attività delle truppe cibernetiche, una revisione della letteratura secondaria di archivi pubblici e rapporti scientifici, che genera casi di studio specifici per paese e consultazioni di esperti. Il lavoro di ricerca è stato redatto da i ricercatori di Oxford tra il 2018-2019.

Uno sguardo al testo Ecco a seguire un breve estratto in traduzione del report.

Negli ultimi tre anni, abbiamo monitorato l'organizzazione globale della manipolazione dei social media da parte di governi e partiti politici. Il nostro rapporto del 2019 analizza le tendenze della propaganda computazionale e gli strumenti, le capacità, le strategie e le risorse in evoluzione.

1. Prove di campagne organizzate di manipolazione dei social media che hanno avuto luogo in 70 paesi, rispetto a 48 paesi nel 2018 e 28 paesi nel 2017. In ogni paese, esiste almeno un partito politico o un'agenzia governativa che utilizza i social media per modellare gli atteggiamenti pubblici a livello nazionale (Figura 1).

2. I social media sono stati cooptati da molti regimi autoritari. In 26 paesi, la propaganda computazionale viene utilizzata come strumento di controllo delle informazioni in tre modi distinti: sopprimere i diritti umani fondamentali, screditare gli oppositori politici ed eliminare le opinioni dissenzienti (Figura 2).

3. Una manciata di attori statali sofisticati usa la propaganda computazionale per operazioni di influenza straniera. Facebook e Twitter hanno attribuito operazioni di influenza straniera a sette paesi (Cina, India, Iran, Pakistan, Russia, Arabia Saudita e Venezuela) che hanno utilizzato queste piattaforme per influenzare il pubblico globale (Figura 3).

4. La Cina è diventata uno dei principali attori nell'ordine globale di disinformazione. Fino alle proteste del 2019 a Hong Kong, la maggior parte delle prove della propaganda computazionale cinese si sono verificate su piattaforme domestiche come Weibo, WeChat e QQ. Ma il nuovo interesse della Cina nell'uso aggressivo di Facebook, Twitter e YouTube dovrebbe suscitare preoccupazioni per le democrazie

5. Nonostante ci siano più piattaforme di social network che mai, Facebook rimane la piattaforma di scelta per la manipolazione dei social media. In 56 paesi, abbiamo trovato prove di campagne di propaganda computazionale organizzate formalmente su Facebook. (Figura 4).

La propaganda computazionale - l'uso di algoritmi, automazione e big data per modellare la vita pubblica - sta diventando una parte pervasiva e onnipresente della vita quotidiana.

[...]

Questo rapporto ha messo in evidenza i modi in cui le agenzie governative e i partiti politici hanno utilizzato i social media per diffondere la propaganda politica, inquinare l'ecosistema dell'informazione digitale e reprimere la libertà di parola e la libertà di stampa. Sebbene le opportunità offerte dai social media possano servire a migliorare la portata, la portata e la precisione della disinformazione (Bradshaw e Howard 2018b), è importante riconoscere che molte delle questioni alla base della propaganda computazionale - la polarizzazione, diffidenza o declino della democrazia - esistevano molto prima dei social media e persino di Internet stesso.

La cooptazione delle tecnologie dei social media dovrebbe destare preoccupazione per le democrazie di tutto il mondo, ma anche molte delle sfide di lunga data che devono affrontare le società democratiche. La propaganda computazionale è diventata una parte normale del sfera pubblica digitale.

Queste tecniche continueranno anche ad evolversi man mano che le nuove tecnologie - tra cui l'intelligenza artificiale, la realtà virtuale o Internet delle cose - sono pronte a rimodellare fondamentalmente la società e la politica. Ma poiché la propaganda computazionale è un sintomo di sfide di lunga data alla democrazia, è importante che le soluzioni tengano conto di queste sfide sistemiche.

Tuttavia, deve anche considerare il ruolo svolto dalle piattaforme di social media nel plasmare l'attuale ambiente di informazione. Una democrazia forte richiede l'accesso a informazioni di alta qualità e la capacità dei cittadini di riunirsi per discutere, discutere, deliberare, entrare in empatia e fare concessioni. Le piattaforme di social media stanno davvero creando uno spazio per la deliberazione pubblica e la democrazia? O stanno amplificando i contenuti che rendono dipendenti i cittadini, disinformati e arrabbiati?

I social media, che una volta venivano annunciati come una forza per la libertà e la democrazia, sono stati oggetto di un crescente controllo per il suo ruolo nell'amplificare la disinformazione, nell'incitare alla violenza e nel ridurre i livelli di fiducia nei media e nelle istituzioni democratiche. Cosa accade in Italia Chiudiamo questa presentazione con un breve focus sull'Italia.

Nel nostro Paese sono segnalate dal report soprattutto campagne di bot, fatte da partiti/politici, con l’obiettivo principale di distrarre da altri temi, o sottlineare divisioni, con la strategia di amplificare contenuti o di diffondere disinformazione, con “cyber truppe di quantità limitata” (come anche Germania, Austria, Spagna e altri Paesi) che si attivano perlopiù in occasione di elezioni o referendum, e che non fanno operazioni all’estero.

Gli Stati che avrebbero invece delle cyber truppe numerose, sia per operazioni locali che straniere, includono: Cina, Egitto, Iran, Israele, Myanmar, Russia, Arabia Saudita, Siria, Emirati Arabi Uniti, Venezuela, Vietnam, e Stati Uniti.

Conclusioni

Il report dell'Oxford Internet Institute mette in luce com il digitale e il cyber abbiano bisogno non solo di attenzione ma anche di un rinnovato impegno da parte dei governi e delle istituzioni.

A questo proposito ci sembra importante ricordare l'iniziativa della cosiddetta The Paris Call for Trust & Security in Cyberspace. Il Paris Call è un accordo multi-stakeholder che si fonda su 9 principi fondamentali di sicurezza informatica e un impegno a lavorare insieme per promuovere un cyberspazio sicuro per tutti.

I nuovi conflitti e le maggiori nuove minacce all'ordine e alla sicurezza delle persone oggi nascono dal digitale.Come stato capofila per le relazioni diplomatiche c'è il governo francese che ha appoggiato per primo la Call a Parigi nel novembre del 2018. Ad oggi la Call ha il supporto di oltre 550 entità da tutto il mondo - tra cui 67 governi e centinaia di organizzazioni dell'industria e della società civile - rendendola l'iniziativa più grande incentrata sulla sicurezza informatica el'impegno multi-stakeholder nel mondo.

#sviluppo #politica #cybersecurity #Socialnetwork #algoritmi #Digitale #governance

244 visualizzazioni